28-04-2017

Concepimento per eiaculazione parziale?

Salve, sono un ragazzo di 22 anni, premetto di sapere che si tratta di pratiche "rischiose" a prescindere ma la passione è quello che frega me e la mia ragazza. Dunque questo lunedì abbiamo consumato un rapporto non protetto dove nel finale io ho tardato un po' ad uscire e, anche se l'eiaculazione vera e propria l'ho avuta fuori di lei; mentre uscivo ho sentito del liquido che mi fa sorgere preoccupazioni. Lei era all'8°o 9° giorno dal primo del ciclo mestruale e ha un ciclo abbastanza regolare di 28 e raramente 30 giorni. So che il rischio c'è eccome se il liquido in questione fosse stato sperma. Volevo chiedere ad un esperto quanto rischio c'è effettivamente di arrivare a concepimento. E in tal caso come comportarmi. (P.s. sia prima del rapporto in questione che la sera prima ne abbiamo avuti altri protetti, spero che ciò giochi a mio favore a riguardo della quantità e motilità degli spermatozoi). Ringrazio in anticipo!

Risposta

Gentile ragazzo, pur non potendo quantificare una percentuale numerica, la tipologia di rapporto è stata indubbiamente a rischio. Il fatto che prima del rapporto in questione ve ne sia stato un altro, anche se protetto, non attenua le probabilità di gravidanza, anzi le potrebbe peggiorare se a livello di uretra fosse rimasto qualche spermatozoo. Penso pertanto che prudenzialmente andrebbe presa in considerazione l'assunzione di una contraccezione d'emergenza,se non controindicata. Cordiali saluti Piergiorgio Biondani

TAG: Apparato riproduttivo | Concepimento | Ginecologia e ostetricia | Gravidanza | Organi Sessuali | Salute femminile | Sessualità