Search
I medici più attivi
Ultimi articoli
14-03-2019

Conseguenze emorragia cerebrale?

Mia nonna ha avuto un'emorragia cerebrale a metà gennaio. L'hanno operata, non si vedevano risultati, aveva delle crisi ogni tanto, poi non più. Prima raramente riconosceva i figli, ma non parlava molto. L'abbiamo mandata in un centro di riabilitazione senza risultati. Adesso l'hanno trasferita e urla incessantemente, urla in ogni istante, questo lo faceva anche dopo l'intervento, ma oggi ha iniziato a dire qualche parola, ad essere cosciente. Ma continua a gridare troppo, volevo chiederle se è normale, se ci siano possibilità di riprendersi almeno mentalmente oppure no. Grazie anticipatamente per la risposta
Risposta di:
Prof. Carlo Gandolfo
Specialista in Neurologia e Terapia fisica e riabilitazione
Risposta
Evidentemente sua nonna soffre di una forma di grave decadimento cognitivo cui ha sicuramente contribuito la recente emorragia cerebrale. In presenza di disturbi di tipo comportamentale può essere necessario il parere di uno specialista in Neurologia. Sarebbe anche importante sapere il tipo e la sede dell'emorragia cerebrale, dato che in molti casi questo episodio di ictus emorragico può essere espressione di una patologia che coinvolge i piccoli vasi intracranici denominata amiloidosi vascolare cerebrale primaria. Saperlo non aiuta molto sul piano delle possibili terapie ma dà importanti indicazioni sulla prognosi. Prof. Carlo Gandolfo - Neurologo.
TAG: Neurologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!