Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

08-08-2012

CONTROLLO FATTORI DI RISCHIO VASCOLARE

In seguito ad un mal di testa localizzato durato due giorni, il medico mi ha consigliato di effettuare una risonanza con mezzo di contrasto.Il risultato è stato il seguente: L'esame RM (1.5T) eseguito delle sezioni assiali, sagittali e coronali (tecnica FSEOPT, FRFSE e FLAIR) nelle sequenze pesate in T1.T2, DP e T1 dopo somministrazione di gadolinio, ha mostrato sfumate aree di gliosi, aspecifiche, ai limiti dell'apprezabilità, all'altezza delle regioni peritrigonaki.Sistema ventricolare in asse. Dopo somministrazione di gadolinio, non si documentano enhancement patologici. Ora la mia domanda è la seguente: aree di gliosi possono rappresentare un problema? Si ha bisogno di una terapia? Premetto che assumo già la cardioaspirin 100 mg. Grazie Anna Maria
Risposta di:
Dr. Pietro De Domenico
Specialista in Neurologia e Psichiatria
Risposta

Presumibilmente tali aree sono espressione di una pregressa sofferenza vascolare. Del resto già lei assume una terapia a base di antiaggreganti (cardioaspirina), che sicuramente le sarà stata prescritta da un cardiologo o da un neurologo ai fini di prevenire eventiuali eventi vascolari. Si rivolga al suo specialista di fiducia (neurologo e/o cardiologo), e controlli gli eventuali fattori di rischio vascolari (ipertensione, diabete, ipercolesterolemia, cardiopatie).

TAG: Malattie neurologiche | Neurologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!