Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

08-01-2019

Danni permanenti post esposizione al monossido di carbonio

Salve, Dal 2011 vivo in un seminterrato munito di cucina a gas in muratura, un grande caminetto, un forno per la pizza e con tanto di riscaldamento, ma privo del sistema di ventilazione areazione. Dopo un pò di tempo iniziai ad accusare dei sintomi mai riscontrati prima, tra cui i mal di testa, nausee, vertigini, tremori muscolari, depressione, debolezza, affaticamento, perdite di memoria, difficoltà di concentrazione, tachicardie, dolori al torace, capogiri, perdite di equilibrio e molto altro ancora. Ho paura che ciò possa derivare dall'utilizzo degli impianti sopra nominati presenti nella taverna da me abitata o, meglio, dall'intossicazione da monossido di carbonio a cui potrei essere stata esposta. Temo che si potesse trattare di danni permanenti derivanti da questa intossicazione. Vi chiedo gentilmente di indicarmi ai quali esami specifici dovrei sottopormi per verificare la presenza di tali danni nel mio organismo? Grazie.
Risposta di:
Prof. Carlo Gandolfo
Specialista in Neurologia e Terapia fisica e riabilitazione
Risposta
L'avvelenamento da CO (ossido di carbonio) è dimostrabile con esami del sangue (dosaggio della Carbossiemoglobina). Se ha il dubbio che il locale da lei frequentato non sia "a norma" deve sentire un tecnico competente che rilasci, dopo eventuali lavori, una certificazione di conformità. Prof. Carlo Gandolfo - Neurologo.
TAG: Medicina generale | Neurologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!