Buongiorno. La mia domanda è riferita a mia madre.Premetto che durante la vita ha sempre avuto atteggiamenti ed un carattere molto particolare. Ora con il passare degli anni (mia mamma ha 79 anni) le condizioni precedenti si sono accentuate. Io da figlia ho sempre accettato ogni suo difetto adeguandomi ed accettando la situazione, visto che anche mio padre ha sempre fatto altrettanto. Viviamo nella stessa casa con mio marito e mio figlio e quindi vivo costantemente accanto a lei. Quest'estate mi sono recata dalla dottoressa di famiglia per delle ricette, premetto che non avendo bisogno non ci vado quasi mai, e la dottoressa mi ha chieso di mia madre facendomi notare, quello che io ho sotto agli occhi tutti i giorni.Ha notato che è uno pò "persa" con la testa, l'ha definita logorroica e paranoica oltre ad essere oltremisura "ansiosa".Mi ha chiesto se dimentica cose importanti tipo di chiudere il gas (questo però non accade mai) e mi ha consigliato con la sua complicità di suggerire a mia madre di fare un "TEST DELLA MEMORIA" per approfondire questa situazione. Ebbene da questo incontro ho avuto la conferma di ciò che io ho sempre sospettato, ma che non mai avuto il coraggio di affrontare nonostante il suo comportamento influenzasse negativamente sulla mia vita e quella di mio marito e mio figlio.Per interderci vi riassumo gli atteggiamenti ed comportamenti che si alternano anche a brevi momenti di vita apparentemente normale (che io definisco lucidità). Ultimamente capita spesso che perda l'orientamento quando siamo in macchina, non riconoscendo posti da sempre frequentati e giustificandosi con il fatto che in quel momento non guida lei e che ultimamente hanno cambiato tutte le strade. A casa parla sempre delle stesse cose, sempre le stesse situazioni che si ripetono quasi maniacalmente. E' gelosa (anche questo non volevo crederlo, mi ha aperto gli occhi mio figlio di 10 anni!!) di mio marito, di mio padre, quando mi vede in compagnia di mio padre fa commenti strani come se stesse pensando che parliamo male di lei. E' impaziente ha reazioni esegerate e aggressive verbalmente. Nessuna persona le va bene, sembra che tutti abbiano difetti esagerati e tutti siano nemici , compresi noi della famglia. Alle volte dice anche cose sgradevoli, senza rendersi cono che sono tali e se glielo facciamo ntoare è lei che se la prende. E poi è depressa, alterna momenti di apparente normalità con momenti in cui sembra letteralmente afflitta, ultimamente capita anche che perda l'equilibrio, poi si riposizione subito. Circa un anno fa ha fatto sia tac che RM per sospetto emispasmo facciale. Non ha avuto nessun riscontro per la soluzione di questo suo problema, ma entrambi questi esami hanno evidenziato particolari che vi descrivo, per sapere se possono avere qualche causa sui comportamenti di mia madre che è nata nel 1931TAC del 21/8/2008: Lieve dilat. ventricoli laterali soprattutto il dx, come dello spazio liquorale periferico, soprattuto a livello frontale di significato atrofico. Dilatazione di analogo significato di alcuni spazi perivascolari centrali.Densità parenchima cerebrale e struttore fossa posteriore, normale. Calcificazione non patolg. del nucleo lenticolare sx. Cisti aracnoidea al cospetto dell'emisfero cerebellare sx in posizione laterale spess. circa 15mm. Evidente tortuosità di significato ateromascio del segmento intra-aracnoideo delle arterie vertebrali e del tronco basilare con impegno anche se parziale della cisterna dell'angolo ponto-cerebellare destro. DOPO QUESTO RISCONTRO SI RIMANDA ALLA RM ESEGUITA IL 18/12/2008 ESITO di seguito: Sofferenza vascolare cronica della sostanza bianca periventricolare e dei centri semiovali. Lieve dilatazione delle strutture ventricolari. Dilatazione degli spazi liquorali della base e della convessità. Si conferma lieve tortuosità dell'arteria vertebro basilare, lieve actasia dei sifoni carotidei. Normale il poligono di Willis. Chiedo un Vs. parere, dall'esito di questi due esami (effetuati quasi due anni fa) che sicuramente presentano i segni dell'età, trovate ci sia qualcosa in più da affrontare??E' meglio che ci rivolgiamo ad uno specialista oppure è tutto normale per l'età che ha??. Vi ringrazio anticipatamente e cordialmente saluto