07-09-2016

Diarrea e feci pastose: è necessaria la colonscopia?

Salve, chiedo un consulto in tal proposito: donna 30 anni, alta 168 e di peso 48 (58 a marzo). Da marzo a settembre ho perso 10 kg a causa di diarrea mattutina e feci pastose. Ho preso Pantorc, fermenti, mesalanzina. Sucralfato risultata allergica. Ho preso Ascol per eliminare un fastidiosi pizzico in fossa iliaca sinistra. Fastidio che ogni tanto torna. Continuo ad avere il problema delle feci pastose e gola secca al risveglio la mattina con sudori notturni. Esami: Calprotectina di pochi punti sopra al negativo, quindi dubbia.

Il mio medico insiste con la colonscopia dal primo giorno senza provare strade alternative in quanto non voglio sottopormi a questo esame se non necessario. Gastroscopia normale, ecografia normale, emocromo normale. Ho insistito per l'esame colturale feci completo con parassiti e batteri ed ora sono in attesa di risultato. Solo il ciproxin e il duspatal mi hanno alleviato la giornata. Cosa posso avere? È veramente necessario fare la colon o ci sono strade alternative? Con il mio medico non si può ragionare perché mi ha detto di farmi sentire per una colon. Chiedo un parere e un suggerimento in merito. Grazie, Cinzia
Risposta di:
Dr. Marcello Picchio
Specialista in Chirurgia dell'apparato digerente e Chirurgia generale
Risposta
Gentile Signora,
​comprendo la sua ritrosia a eseguire un esame invasivo come la colonscopia. Nel suo caso, in considerazione della giovane età e in assenza di segni chiari di patologia a carico del colon ma con presenza di diamagrimento, diarrea e sudorazione notturna, potrebbe essere indicata una TC total body con colonscopia virtuale. In questo modo, si potrebbere escludere la presenza di lesioni proliferative sia del colon sia dei restanti organi.
Cordiali saluti. 
 
TAG: Biochimica clinica | Colonproctologia | Esami | Gastroenterologia | Intestino | Patologia clinica | Radiodiagnostica
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!