Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

14-07-2012

dieta e cura

Buon giorno dottore, le scrivo perchè 3 giorni fa ho defecato feci durissime, avvertendo bruciore anale e perdendo sangue (poco). Ieri si è ripetuta la scena ma con un bruciore ancora più intenso e dolore che si è protratto per tutta, non riuscendo a dormire, e ancora lo avverto. Sono ragionevolmente sicuro che le feci non si siano adattate alla largezza dell' ano e abbiamo provocato una ragade.Di solito vado regolarmente di corpo, ma per qualche motivo questa settimana ho avuto questo problema di feci durissime.Che variazione alla dieta posso apportare, considerando che evito tutte le "schifezze", le bibite, ma mangio in modo molto pulito? (sono uno sportivo quindi curo particolarmente l' alimentazione)Sto cercando di aumentare le fibre mangiando molta più verdura, fagioli, prugne e 1 mela al giorno e bevendo più acqua. Attualmente sto prendendo il paracetamolo per combattere il dolore e il mal di testa della notte insonne e il Peridon (2 pasticche prima di pranzo e 2 prima di cena) per cercare di ripristinare l' equilibrio interno.Cosa mi suggerisce di fare a livello di dieta? Quando tornerò a casa (venerdì 20) pensavo di iniziare ad usare una crema sulla ragade per cicatrizzarla, me ne può suggerire una? è adatta una crema antibiotica? Cosa fare nel frattempo per lenire il dolore e cercare di aiutare la guarigione?Grazie. Distinti saluti.Marco
Risposta

Buonasera, come giustamente lei sospetta, potrebbe trattarsi di una ragade anale di recente insorgenza.E' opportuno che non diventi cronica, eseguando una dieta ricca di fibre e liquidi,potrebbe aggiungere Psyllium ed evitare le spezie. Inoltre una buona crema cicatrizzante la aiuterà, faccia IL tutto per un mese, se non trova giovamento, consulti un proctologo.

Grazie

TAG: Chirurgia generale | Gastroenterologia
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!