22-03-2006

Difficoltà nella respirazione

Buonasera, vorrei che mi deste delle informazioni, visto che durante un Ecocardiogramma mi hanno riscontrato un Prolasso meso-telesistolico del lembo anteriore mitralico condizionante rigurgito lieve eccentrico verso la parte atriale libera, con questi parametri: Ventricolo sinistro 50, atrio sinistro 35, ventricolo destro 22, vena cava inferiore 12, aorta 30, con una accentuata escursione fasica del setto interatriale (12mm) senza evidenti shunt. Il medico che ha fatto l'esame mi ha detto di non preoccuparmi e di continuare la vita in modo normalissima, solo di assumere un farmaco (amoxicillina) prima di qualsiasi intervento anche dal dentista o per togliere un neo... e di rifare la visita tra un anno. Ho fatto questo esame perchè mi sentivo un pò strano, con lievi difficoltà di respirazioni, anche se credo sia dovuto a un pò di ansia (se prendo delle gocce di mialin passa), secondo voi queste mie difficolta sono legate al prolasso e cosa devo fare?
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Nei pazienti con prolasso mitralico, che sono oggi tanti per il sempre più esteso ricorso ai test ecocardiografici, sono descritti dei dolori toracici atipici, benigni seppur fastidiosi. La lieve disfunzione mitralica conseguente al prolasso di solito non è mai tale da determinare difficoltà respiratoria, che potrebbe quindi più probabilmente avere, come Lei stesso ritiene, una genesi emotiva. Concordo col Suo curante nella prescrizione della profilassi antibiotica per un’eventuale endocardite, nel programmare un controllo ad un anno e, soprattutto, nel tranquillizzarLa.