Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

03-09-2002

Difficoltà terminologica

Sempre più spesso si legge di elettrosmog e soprattutto dei possibili/probabili rischi a cui risulta esposta la nostra salute per effetto dei campi magnetici, elettrici ed elettromagnetici. Purtroppo però in molti casi la terminologia tecnica utilizzata nella redazione degli articoli non aiuta a chiarire i dubbi anzi li incrementa. Proprio a tal proposito mi auguro possiate chiarirmi qual è la differenza fra “limite di esposizione” e “valore di attenzione” termini in cui mi sono imbattuto in più di una occasione.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Significativa la distinzione tra limite di esposizione e valore di attenzione. Il primo è definito quale valore di campo elettrico, magnetico ed elettromagnetico, considerato come valore di immissione, definito ai fini della tutela della salute da effetti acuti, che non deve essere superato in alcuna condizione di esposizione della popolazione e dei lavoratori per le finalità di tutela della salute. Per valore di attenzione si intende, invece, il campo che non deve essere superato negli ambienti abitativi scolastici e nei luoghi adibiti a permanenze prolungate per le altre finalità della legge diverse dalla protezione della salute.
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!