Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
L’ESPERTO RISPONDE

Disfagia grave

Dopo anni di forte allergia agli acari della polvere curata con vaccino, circa 4 anni fa ho accusato una crisi respiratoria improvvisa mentre passeggiavo tranquillo, al P.S. non hanno riscontrato nulla da esami del sangue e raggi al torace.

Da allora il mio medico curante mi ha indirizzato dallo pneumologo che con solo una spirometria e visita generale mi ha diagnosticato asma allergica che ho iniziato a curare con montegen (pillola broncodilatatrice) e spray prima flutiformo + uno a disco cortisonico poi Foster sempre associato a montegen. Ho riscontrato efficacia quasi solamente con la compressa, come se il mio problema non fosse realmente asma allergica! Da un anno a questa parte ho accusato un altra crisi respiratoria poi associata a problemi di deglutizione che nell'ultimo mese è peggiorato talmente tanto da non permettermi più di ingerire cibi solidi con conseguente dimagrimento progressivo. Nell'ultimo mese questa grave disfagea è stata accompagnata da diversi altri disturbi: Problemi e affanni respiratori con bisogno di fermarsi al mattino ma che spesso migliorano alla sera .

Spesso necessità di recuperare aria dalla bocca . Alle volte dal mattino collo gonfio con muscoli rigidi . Una Tantum sensazione di calore durante la giornata, che aumenta se ci si abbassa e durante i pasti . Gravi difficoltà di deglutizione, che si manifestano dopo qualche minuto dall'inizio del pasto . Fatica, stanchezza durante i pasti, sopratutto nel respiro, che essi siano solidi o semiliquidi . Dopo un tot di minuti impossibilità di continuare il pasto . Con conseguente e repentina perdita di peso .

Raramente crisi respiratoria durante i pasti con battito accelerato e formicolio su tutto il corpo . Fastidi alla trachea, sensazione di rigidità o durezza della stessa . Sensazione di pesantezza alla trachea dopo l'assunzione di liquidi . Necessario bisogno di riposarsi prima dei pasti se si è camminato o parlato molto . (Spesso) Rigidità toracica/oppressione durante i pasti, sopratutto pranzo . (Alle volte) Sensazione di ingerire troppa aria durante la masticazione deglutizione , di cibi solidi ma anche liquidi con conseguente necessità di ruttare . Sensazione di aria avvertibile anche nel collo . In alcuni periodi, battito accelerato durante il giorno, si normalizza la sera . Sudorazione fredda dalle mani e dai piedi (specie durante i pasti, sopratutto pranzo ). Sporadicamente rigidità e gonfiore anomalo del collo tale da sembrare un trauma che può durare diverse settimane . Formicolio presenza o sensazione di calore alle guance soprattutto la sx che inizia dal mattino e svanisce nel pomeriggio/sera .

Occasionale intorpidimento della mano braccio dx solo durante la camminata serale . Occasionalmente vertigini quando si cammina con sensazione di perdita di equilibrio . Difficoltà a prendere sonno con sporadica insonnia . Possono tutti questi sintomi essere associati a mal utilizzo/funzionamento del diaframma e soprattutto a infiammazione del nervo vago? Aiutatemi perché sto continuando a perdere peso!

Risposta del medico
Dr. Giorgio De Bernardi
Dr. Giorgio De Bernardi
Specialista in Pneumologia e Allergologia e immunologia clinica

Ha ripetuto Rx Torace 2 proiezioni e visita pneumologica con spirometria basale e test di broncodilatazione farmacologica? Lo faccia. Per la disfagia, potrebbe avere una candidiasi da steroidi inalatori (gargarizza acqua e bicarbonato dopo ogni inalazione dell'associazione broncodilatatore/cortisone?) estesa all'esofago (si faccia guardare in gola dal suo medico!). L'asma è una patologia che può accompagnarsi all'allergia respiratoria nel 35-40% degli asmatici, debbono essere curate adeguatamente entrambe; la sua asma potrebbe essere non controllata e necessitare di un adeguamento respiratorio. Se lo pneumologo che lo ha visitato può misurare l'ossido nitrico nell'esalato (un test molto semplice) potrà avere indicazioni ulteriori da questo esame. Provi ad assumere un antifungino (può prescriverglielo il suo MC per almeno 20 gg se ha una candidiasi). Mi faccia sapere le conclusioni del collega pneumologo.

 Cordiali saluti.

Risposto il: 29 Maggio 2018
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali