Ciao, sono un ragazzo 17 anni che ama lo sport e il calcio in particolare. Il 21 Luglio ho avuto una distorsione alla caviglia destra, attorno alla quale ho immediatamente accusato molto dolore, e gonfiore sviluppatosi in pochissimi attimi, in seguito ad una caduta mentre giocavo a calcio. La diagnosi è: "Dolore e tumefazione localizzata antero-laterale di caviglia a livello della sindesmosi TPA e del legamento PAA, non dolore diretto sul malleolo". Mi è stata immobilizzata per 7 giorni con un bendaggio alla colla di zinco, durante i quali non potevo sottoporla ad alcuno sforzo, e in seguito ho usato una cavigliera e un tutore Aircast per 25 giorni.Ho usato le stampelle fino alla scadenza di questi 25 giorni. In seguito mi è stato detto di utilizzare solo la cavigliera per camminare e di poter riprendere l'attività sportiva dopo circa 70 giorni dal trauma (intorno a fine settembre quindi). Dopo questi 70 giorni ho iniziato un ciclo di 10 giorni fisioterapia con tavola propriocettiva, esercizi con l'elastico, rinforzo muscolare. Da un mese ho ripreso ad allenarmi su pista.Vedendo i tempi di recupero di altri infortuni simili mi sembra eccessivo il tempo che ho trascorso senza poter giocare, ma il mio medico di famiglia ha detto che i tempi di cicatrizzazione della capsula della caviglia sono di circa 6 mesi. La settimana scorsa ho giocato a calcio con gli amici (usando cavigliera+fascia elastica), senza però intraprendere contrasti: ho solo tirato e corso con il pallone tra i piedi. Oggi sono passati esattamente 3 mesi dal mio infortunio e ho una voglia matta di tornare a giocare, ma ho ancora moltissima paura: a quali rischi vado incontro? Posso riprendere a giocare? Spero di averle fornito una descrizione accurata del caso. Grazie mille in anticipo.