Con la gravidanza il corpo cambia totalmente e in fretta, ma tornare in forma dopo il parto richiede tempo e gradualità. Quante settimane servono per tornare “come prima”? È la domanda che frulla in testa a tante neomamme.

Il “come prima” è un falso mito: si potrà riacquistare il peso forma, la tonicità dei muscoli, ma dopo una gravidanza il corpo di una donna cambia, non sarà più esattamente quello di prima. È anche il bello della maternità, che coincide soprattutto con una nuova scoperta di sé.

Tornare in forma dopo il parto con ginnastica e alimentazione

Nelle prime settimane dopo il parto i tessuti e i muscoli della pancia restano per un po’ rilassati e la pelle appare priva di tono. È normale: la muscolatura addominale è stata costretta a dilatarsi in fretta per permettere l’accrescimento del feto e anche il pavimento pelvico ha subito delle trasformazioni importanti.

Per rimettersi a posto occorreranno alcune settimane. Per cominciare, nei primi dieci giorni dopo la nascita del bebè si può indossare una pancera elastica e regolabile, che aiuta a ripristinare la funzionalità dei tessuti dell’addome, ad assumere una postura più corretta per la schiena e a scaricare un po’ il peso.

Dopo due settimane, si può iniziare a fare degli esercizi per tonificare gli addominali (facendosi consigliare da un trainer esperto in base alle caratteristiche del proprio fisico) e mezz’ora al giorno di camminata tranquilla.

Curare l’alimentazione è importante: meglio evitare i cibi troppo conditi e consumare frutta e verdura, cereali meglio se integrali, yogurt, frutta secca, cioccolato fondente.

No alle diete dimagranti drastiche, specie se si è in fase di allattamento. Per dare una mano alla pelle priva di tono, alla passeggiata quotidiana si può aggiungere anche l’uso di una crema elasticizzante che aiuta i tessuti a tornare in forma.

Gli esercizi post parto

Dopo la nascita di un bimbo, il tempo per pensare a se stesse scarseggia al punto da fare estrema fatica a ritagliarsi anche dieci minuti per una doccia o uno shampoo. Come fare dunque per ricominciare a fare sport senza togliere tempo e attenzioni ai propri bimbi?

Si può fare qualche esercizio in casa, senza separarsi dal proprio bimbo, seguendo un programma di allenamento specifico (il web ne è pieno).

Per esempio: dopo cinque minuti di riscaldamento con cyclette, corda o tapis roulant, ci si siede su una sedia e ci si alza per poi risedersi stando bene attente a tenere le gambe piegate di 90 gradi e la schiena ben dritta (si possono eseguire due serie da dieci ripetizioni).

Un secondo esercizio consiste nel poggiare mani e ginocchia a terra su un tappetino, e slanciando una gamba dopo l’altra all’indietro per rinforzare i glutei (due serie da dieci ripetizioni per gamba). Si tratta di esercizi dolci, per cominciare a rimettersi in moto.

Ma dopo qualche settimana si può iniziare a fare ginnastica anche fuori casa portando con sé i piccoli, e partecipando per esempio ai programmi di allenamento dedicati proprio alle neo-mamme (nelle città grandi ce ne sono diversi).

Frequentare corsi di fitness collettivi dedicati al post-parto è anche un’occasione per conoscere altre mamme, confrontarsi e fare amicizia. Ci sono tante mamme che condividono le stesse esigenze e affrontano le stesse difficoltà: intercettarle può essere un modo per aiutarsi a vicenda e vivere i primi mesi della maternità senza sentirsi sole e senza dover rinunciare allo sport.