L’ESPERTO RISPONDE

Dolore pelvico cronico e infezioni vaginali

Da circa 4 anni soffro di dolore pelvico cronico, iniziato con un infezione da candida, curata con antimicotici locali e orali, ma il problema invece di cessare è sfociato in dolore pelvico cronico.Io ho sempre la sensazione, soprattutto dopo il ciclo mestruale di aver contratto un infezione vaginale.. Ma da 4 anni a questa parte solo un tampone su 20 ha riscontrato un un infezione da candida.Soffro anche dì ipertono muscolare e contrattura muscolare del pavimento pelvico, scoperto soltanto in questi ultimi mesi. L ipertono mi causa disfunzioni anche a livello rettale, infatti soffro facilmente dì ragadi anali e dolore alla deffecazione e subito dopo.Ad oggi ho fatto un ulteriore visita di controllo con la mia nuova ginecologa che invece mi ha detto di avere un infezione in corso, sicuramente data da batteri tipo gardenerella, date le perdite che ho e l'odore di pesce dopo aver urinato.Non posso assolutamente effettuare cure locali, o assumere antimicotici per via orale, in quanto in questi anni tutte queste cure mi hanno scatenato un dolore profondo, acuto che viene definito dai miei medici come dolore neuropatico.Il mio medico pensa sia coinvolto il nervo pudendo e le sue terminazioni nervose.Ad oggi il mio programma di cura consiste in supposte rettali di diazepan e baclofene, un piano alimentare adeguato al mio problema di salute dato dalla nutrizionista, con prescrizione di un integratori per regolare l'attività intestinale. La riabilitazione del pavimento pelvico con un ostetrica specializzata, l'assunzione di un farmaco anticonvulsivante per regolare il dolore neuropatico e l'assunzione di 5 gocce di L****** alla sera come miorilassante.Vorrei sapere per riuscire a risolvere con l'infezione vaginale senza assumere medicine locali o antimicotici, come potrei riuscire ad uscire da questo circolo vizioso delle infezioni che si presentano così dal nulla dopo il ciclo mestruale?

Risposta del medico
Dr. Antonino Iacona
Dr. Antonino Iacona
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Dietistica

La sua storia fa pensare ad una ENDOMETRIOSI, Il dolore provocato dalla endometriosi SEGUE la mestruazione. Una ecografia transvaginale al termine del flusso o anche DURANTE il flusso e ancora meglio una LAPAROSCOPIA potranno risolvere il dubbio. Per le perdite con odore di pesce marcio le dico che il germe responsabile è la GARDNERELLA e la soluzione consiste nell'eliminazione del germe mediante un antibiotico (Bacampicillina) e nella RICOSTRUZIONE del microbioma intestinale con dosi massicce di integratori a base di ACIDOPHILUS. Il microbioma vaginale e quello intestinale sono gemelli. Le consiglio comunque, inizialmente, di effettuare lavande vaginali (con l'apposita apparecchiatura) con acqua tiepida alla quale aggiungerà 20 gocce di Essenza Timo e 10 gocce di Essenza di Eucalipto. Dopo la lavanda può introdurre in vagina 10 centimetri cubici di Yoghurt BIANCO, INTERO e SENZA ZUCCHERO Servendosi di una siringa di plastica da 10 centimetri cubici (senza l'ago).Aggiungo un decalogo sempre validoDieci semplici regole per il benessere femminile e la cura dell’igiene intima.1 – Non bere latte o consumare latticini in quanto quasi sempre il Lattosio (zucchero presente nel latte) non viene digerito e giunge inalterato nel tratto intestinale favorendo la crescita della Gardenerella e della Candida. Lo Yogurt può essere consumato in quanto non contiene lattosio (o ne contiene pochissimo). Fate in modo di vuotare il retto quotidianamente. Il vostro medico saprà consigliarvi come ottenere questa “regolarità”. Se non ci riuscite con l’alimentazione ricca di scorie e con l’aiuto di preparati erboristici (l’Aloe Arborescens è il migliore in assoluto) ricorrete al “Clisterino” di glicerina dopo tre giorni senza il “beneficio”.2 – Non usare indumenti intimi di tessuto sintetico ma ESCLUSIVAMENTE biancheria di cotone e NON COLORATA.3- Non usate SALVASLIP. Tali prodotti sono quasi sempre di CARTA o TESSUTO SINTETICO e PLASTICA POROSA. Non salvano lo slip ma conservano le perdite e costituiscono veri e propri terreni di cultura per i germi. Portate con voi mutandine di cotone bianco DI BUCATO conservandole singolarmente in sacchetti di plastica (vanno benissimo quelli per alimenti). Se vi sentite a disagio cambiate gli slip, indossate quelli puliti e riponete quelli usati nel sacchetto di plastica.4 – Per l’igiene intima usate ESCLUSIVAMENTE Sapone di Marsiglia (sia solido – il buon vecchio Sapone da Bucato – che liquido – in confezioni da 250 cc).5 – Non effettuate MAI lavande INTERNE. Nessun preparato va bene a meno che non ve lo prescriva il Medico e comunque solo per CURARE una infezione ACCERTATA (Tampone o Striscio). La vagina HA UNA SUA ECOLOGIA E BADA A SE STESSA NATURALMENTE, non disturbatela.6 – Non usate MAI assorbenti interni. DEVASTANO l’eco ambiente vaginale, asciugano la vagina privandola del suo NATURALE lubrificante e TRATTENGONO il sangue mestruale a contatto del collo dell’utero. Per comprendere quanto sto scrivendo provate a girare per mezza giornata con un tampone di ovatta in bocca!7 – Non indossate MAI il PERIZOMA. Il filo “inter…c….” viaggia dall’ano alla vulva e trasporta GERMI e quindi ANCHE la Gardnerella. Le mutande da “casalinga” saranno meno sexy ma sono più IGIENICHE!8 – Evitate di indossare pantaloni TROPPO aderenti. Preferite le gonne o le gonne-pantalone e quando siete a casa vostra mettetevi comode: togliete le mutandine e vestite una ampia gonna. I vostri genitali “RESPIRERANNO”9 – Esigete che il vostro partner si lavi prima delle “coccole” e dei rapporti sessuali (ANCHE LE MANI). Sarà meno romantico ma è PIU’ IGIENICO.10- Una volta alla settimana, dopo esservi lavate con il Sapone di Marsiglia, usando una siringa di plastica da 10 cc (SENZA L’AGO) iniettate PROFONDAMENTE in vagina 10 cc di Yogurt BIANCO, INTERO, DENSO e SENZA ZUCCHERO. Fatelo OGNI settimana. Il bacillo dello yogurt (Bulgarico, acidofilo etc) è IDENTICO a quello presente NATURALMENTE in vagina e ne accentua l’acidità abbassando il pH e quindi impedendone la contaminazione dall’esterno da parte di parassiti come la Candida o la Gardnerella.Queste DIECI semplici regole tengono lontane le infezioni, mantengono la vagina NATURALMENTE pulita e lubrificata e senza perdite ed odori sgradevoli.

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Vaginiti: le infezioni della vagina
Vaginiti: le infezioni della vagina
1 minuto
Rimedi per il prurito intimo
Rimedi per il prurito intimo
2 minuti
Vaginite da Gardnerella Vaginalis
Vaginite da Gardnerella Vaginalis
6 minuti
8 consigli per prevenire le infezioni vaginali in estate
8 consigli per prevenire le infezioni vaginali in estate
2 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pescara (PE)
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Napoli (NA)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Roma (RM)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Pompei (NA)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
San Giorgio a Cremano (NA)
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia
Carrara (MS)
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Ostetrica
Viterbo (VT)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Milano (MI)
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Prov. di Napoli