Salve,sono intenzionata a sottopormi ad intervento per correggere la miopia (e lieve astigmatismo).Ho dei dubbi a causa delle pupille che purtroppo si dilatano eccessivamente e delle conseguenti complicazioni, quali aloni, glare e disturbi visivi in notturna. So che potrei non essere più in grado di guidare di notte, ma anche di non poter più per esempio andare al cinema, lavorare al pc, guardare la tv di sera?Questi i miei valori:Pachimetria: OD 544 OD 549Cheratocono: negativoCurvatura corneale: OD K1 44.18 K2 45.14 OS K1 44.60 K2 45.32Pupillometria scotopica: OD 7,56 OS 6,81Camera anteriore: OD 3,9 OS 3,89Test Schirmer: OD 8mm OS 20mmPressione intraoculare: OD 13 mmHg OS 14 mmHgFondo oculare: Modica accentuazione escavazione papillare.Macula normopigmentata.Vasi retinici regolari Annessi oculari sani, mezzi diottrici trasparenti OD -6 -0,25 asse 5 =10/10 OS -5,75 -0,5 asse 164 = 10/10I problemi e le complicanze dovute ai valori della pupillometria sarebbero ugualmente probabili per qualsiasi tecnica, PRK, Femtolasik, etc. o dovrei preferirne una per ridurre i rischi?E con questi valori di pupillometria incorrerò sicuramente nell'effetto glare/aloni in notturna? Vorrei saperlo per valutare se il gioco vale la candela. Se non avessi questo problema della pupilla mi sarei già operata.Altro dubbio: non ho mai avuto problemi di secchezza oculare, né altri, porto le lac mensili da 20 anni senza mai un problema, ma quel risultato di 8 mm all'OD dal Test di Schirmer può darmi problemi dopo l'intervento e sarebbe meglio fare una PRK visto che dà meno occhio secco invece che una Femtolasik?Grazie mille