Due mesi fa ho avuto il mio primo episodio di fastidio al livello del glande (interno) dopo il secondo giorno che ero alle terme. Finita la vacanza torno a casa sembrava tutto passato quando i dolori cominciano a farsi sentire nuovamente: senso di calore, spillo sempre al livello interno del glande o poco più giù. Vado dal mio medico di base e mi... Leggi di più da un ciclo di antibiotico LEVOFLOXACINA. Nessun effetto, torno e mi prescrive visita specialistica. Lo Specialista mi referta: uretralgia di n.d.d ciclo di Oki per 5 giorni nel caso non funzionasse tornare per uretroscopia. Sembra strano ma prendendo l'oki ogni giorno sembrava peggiorasse al chè l'ultimo giorno vado in pronto soccorso e mi prescrivono tampone, spermiogramma e urinocoltura. Tutto negativo tranne per lo STRAFILOCCO MITIS. (tampone). Premetto che il fastidio non è eccessivo e non ho stimolo di andare in bagno spesso, però quando eiaculo il fastidio si fa molto forte, brucia e sento pizzicare. Torno dal mio medico di base e mi dice di fare un altro ciclo di antibiotico specifico per lo strafilococco mitis e poi al massimo l'uretroscopia in un ultima istanza. La mia domanda: Vorrei evitare di prendere troppi antibiotici, è necessario fare quest'altro ciclo? Questo batterio leggevo non è pericoloso ma non son un medico. Meglio che a due mesi ormai faccia questa uretroscopia?PREMESSA: Circa due settimane fa mi viene in mente che presi un forte colpo a livello del glande poco prima di andare alle terme (10gg) e che erano comparse delle macchioline giallo-blu al di sopra (credo una specie di ematoma). Potrebbe essere correlato con qualche lesione non risoluta? Inoltre soffro di emorroidi/ragadi/tenesmo rettale da circa 6 mesi, il 19 Febbraio ho anche la rettoscopia. (non so se potrebbe esserci correlazione ma lo dico).In attesa di risposta Grazie in anticipo