03-11-2012

Egregio dottore,sono una infermiera e sono molto

Egregio Dottore,sono una infermiera e sono molto preoccupata. Premetto che già 10 anni fa ho avuto una forte depressione con attacchi di panico e sintomi di ipocondria, sono stata 8 anni in cura antidepressiva. Poi un giorno, l'anno scorso, in reparto mi sono bucata accidentalmente con un ago (paziente negativo, miei risultati negarìtivi) e sono andata di fuori, 3000 analisi, attacchi di panico, curati con 4 mesi di Xanax. Due Venerdì fa ho avuto delle parestesie alle mani (soprattutto la sinistra) e da 2 settimane ho talmente tanti sintomi che non so davvero più dove sbattere la testa. Fibrillazioni del muscolo tricipite sx, dolore alla spalla ed al braccio sx, un po' di tremito alle mani, nausea, mi sembra di vedere meno dall'occhio sx, ma sono talmente miope che è difficile capirlo davvero. Mi fanno male i muscoli del viso (la notte spesso mi sveglio con le mascelle strettissime), ho un po' di tachicardia: in tutto ciò, non ho mai smesso di allenarmi in palestra, 1 ora e mezza al giorno, 5 giorni a settimana, senza particolari probemi, anzi, mentre mi alleno mi sembra di stare meglio. Il mio dottore mi ha fatto l'esame neurologico ed ha detto che, secondo lui, ho un crollo ansioso ed ora sto prendendo di nuovo lo Xanax, con il quale dormo un pochino di più, ma tuttora ho un po' di tremore e non riesco a capire se è paura o cosa. Questi ultimi anni sono stati molto duri, lavoro e studio. Essendo infermiera un po' di patologie le conosco, naturalmente con la mia ipocondria sono passata dal pensare di avere la SLA alla sclerosi multipla, alla miastenia fino a problemi alla tiroide...fra una settimana devo discutere la tesi magistrale e sono terrorizzata di avere una ricaduta....cosa posso fare? Cosa mi consiglia? Sono sempre stata bene, purtroppo fumo, ma non ho mai avuto problemi di salute, sono forte ed in forma...questi sintomi sono molto ondivaghi, quando sono andata dal mio medico, dopo una notte insonne terrificante, a piangere e non respirare, non riuscivo quasi a salire le scale, ma dopo che lui mi ha rassicurata camminavo normalmente (solo un po' di fatica) ed ho soccorso per strada una signora che aveva avuto un malore...purtroppo la mia depressione è latetente ed in alcuni momenti si fa risentire. Ma ho il terrore di avere qualcosa di grave.Le sembra possibile che tutti questi sintomi insieme possano indicare l'inizio di una patologia neurologica? La ringrazio infinitamente per l'attenzione ed un consiglio, un caro saluto,
Risposta di:
Dr. Pietro De Domenico
Specialista in Neurologia e Psichiatria
Risposta

da quanto lei dice traspare una notevole ansia con somatizzazioni multilple. La cosa più opportuna per lei è una presa in carico sistematica da parte di uno psichiatra che la segua seriamente, considerando anche la possibilita, se ci sono i presupposti, di una terapia di sostegno psicologico, oltre alla farmacoterapia.

TAG: Malattie neurologiche | Neurologia