23-03-2018

Eiaculazione precoce e ansia da prestazione

BUONGIORNO GENTILE DOTTORE,

SONO UN UOMO DI 37 ANNI DA CIRCA UN ANNO HO UNA NUOVA COMPAGNA E DEVO DIRLE CHE LA QUALITA' DEI RAPPORTI SESSUALI E' SCADENTE IN QUANTO E NON SO SE E' DOVUTO AD UNA PARTICOLARE CONDIZIONE DI STRESS MIO PERSONALE TENDO AD EIACULARE IN MANIERA MOLTO PRECOCE DOPO CIRCA 1 MASSIMO 2 MINUTI DALLA PENETRAZIONE E NON LE NASCONDO CHE QUESTA SITUAZIONE MI GENERA PARECCHIO STRESS E ANSIA DA PRESTAZIONE CON CONSEGUENTE PREOCCUPAZIONE DI "NON FARCELA" NELL' APPROCCIO AL RAPPORTO CON CONSEGUENTE INSODDISFAZIONE DELLA MIA COMPAGNA. AVREI BISOGNO DI UN CONSIGLIO SU COME AFFRONTARE IL PROBLEMA E SE E' POSSIBILE ASSUMERE QUALCOSA PER MIGLIORARE LA SITUAZIONE. RIGRAZIANDOVI ANTICIPATAMENTE, ATTENDO RISCONTRO ANCHE PERCHE' LA SITUAZIONE DIVENTA OGGETTIVAMENTE FASTIDIOSA.

GRAZIE E SALUTI

Risposta di:
Dr. Giovanni BerettaDottore Premium
Specialista in Andrologia e Patologia della riproduzione umana
Risposta

Gentile lettore, l'unico consiglio che le posso dare è quello di non perdere altro tempo in internet e sentire in diretta un esperto e bravo andrologo. Da questa postazione non è possibile e corretto darle alcuna indicazione terapeutica.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione diagnostica mirata e poi eventualmente una prospettiva terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.

TAG: Adulti | Andrologia | Esami | Organi Sessuali | Psicologia | Psicosomatica | Salute maschile | Sessualità | Sessuologia | Urologia