29-06-2016

Fimosi non serrata: operazione obbligatoria?

Salve, Tempo fa ho avuto un consulto medico riguardo ad una possibile fimosi. Mi è stato dimostrato come la pelle attorno al glande riuscisse a scoprirlo, ed in effetti adesso riesco tranquillamente a tirare giù il prepuzio fino a scoprirlo. Tuttavia, questo avviene solo in situazione non eretta, ovvero quella monitorata dal medico. In erezione, non riesco a tirare totalmente giù il prepuzio, quindi magari resta a metà o giù di lì. Ma non arriva a scoprire per intero il glande.

Il medico di due anni fa mi ha detto che non serviva l'operazione e ancora adesso spero non serva, ma su Meditalia leggo che aumenta il rischio di tumore al pene. È così probabile? È necessario io svolga l'operazione? La sola parola "tumore" mi terrorizza, per situazioni mie e familiari. Grazie.
Risposta
Il rischio di tumore è comunque modesto e legato all'impossibilità di mantenere una corretta igiene, cosa che invece nel suo caso è possibile, vista la compiacenza del prepuzio in condizioni normali. In erezione l'entità dell'impaccio è molto soggettivo.
Se l'impossibilità di retrarre il prepuzio viene percepita come dolorosa o fastidiosa, con condizionamento dell'attività sessuale, la risoluzione è unicamente operativa con la circoncisione classica. Non crediamo molto all'efficacia di trattamenti palliativi.
In conclusione deve giudicare un po' lei quanto sia veramente il fastidio, non esistono indicazioni assolute.
TAG: Andrologia | Organi Sessuali | Salute maschile | Urologia