09-05-2006

Gent.mi signori, nel 2001 ho subito una ablazione

Gent.mi signori, nel 2001 ho subito una ablazione in seguito a flutter atriale tipico recidivo. Subito tutto bene, dopo circa tre anni compare in tre occasioni, a distanza di circa un mese una dall'altra, crisi di fibrillo-flutter atipico. Da allora ho perso peso e prendo Rytmonorm mezza compressa la mattina. Vorrei sapere se per me è possibile fare sport, qualche calcio al pallone con i colleghi, e comunque, se la mia aritmia dovesse evolvere in FA, la possibilità di effettuare una nuova ablazione per trattare la stessa. Dimenticavo di dire che all'età di 16 anni ho subito intervento di pericardiotomia totale in seguito a pericardite costrittiva calcificata di eziologia sconosciuta. Nessun danno cardiaco comunque mi è stato segnalato da specialisti del ramo. Vi ringrazio infinitamente.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Nessun problemo per lo sport non agonistico. Per il trattamento della sua aritmia credo che sia opportuno che si faccia rivedere dai cardiologi che hanno trattato l’aritmia con l’ablazione per verificare se quanto sta facendo è sufficiente (il propafenone è sicuramente sottodosato)
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!