Gent.mo Professore, ho 37 anni e nel mese di marzo mi è stata diagnosticata, tramite una casuale Ecografia epatica, un'iperplasia focale nodulare di circa 4 cm, in sede epatica; sempre nella stessa sede un piccolo angioma di circa 1 cm e due microcisti di 4 e 6 mm. Naturalmente, data soprattutto la mia enorme ipocondria (per quest'ultima sono in... Leggi di più cura psicologica) ho effettuato subito gli approfondimenti diagnostici richiesti, tra cui l'eco addome con contrasto che ha solo confermato il tutto, aggiungendo un minuto Adenomioma parietale alla colecisti ed una colesterolosi, per la quale mi sono stati prescritti Sali Biliari per circa 6 mesi ed un controllo ecografico a 6-8 mesi, che io naturalmente ho anticipato, effettuando, forse esageratamente, ben altre 3 ecografie con una cadenza di circa 2 mesi una dall'altra. Anche nell'ultima, effettuata a fine settembre, mi è stato semplicemente confermata la prima diagnosi fatta anche con l'eco addome, con unica differenza che la colesterolosi non c'è più e quindi ho sospeso i sali biliari. Volevo chiedere se queste patologie epatiche possano essere pericolose per il futuro, nel senso che possano trasformarsi in qualcosa di pericoloso, soprattutto il minuto adenomioma che, dalle ecografie effettuate in questi mesi, è rimasto identico in tutti questi mesi. Volevo anche sapere se un mio dimagrimento di circa 5-6 kg, avvenuto lo scorso inverno a causa di una colite e quindi di una dieta con esclusione di alcuni alimenti tra cui latte e derivati, possa aver causato la scoperta di questi problemi epato-biliari, visto che nel 2003 e nel 2004 avevo già fatto due ecografie addominali che non avevano mai evidenziato questi problemi. La ringrazio in anticipo.