Gentile Dottore, il quesito che vorrei porre riguarda mio padre, 75 aa, che il 4 Novembre 05 è stato sottoposto a coronarografia (a conclusione di tutta una serie di esami di controllo, in totale assenza di sintomi stenocardici) il cui risultato è stato: coronaropatia critica monovasale, PTCA con duplice stent su CDX I° e II° tratto con buon... Leggi di più risultato angiografico; Stenosi significativa a carico di circonflesso II° tratto; stenosi significativa a carico di discendente anteriore II° tratto, calcifica e lunga; stenosi non significativa a carico di circonflesso I° tratto -> queste ultime tre stenosi non trattate. Mio padre presenta inoltre ASO AAII; IPTSA con controllo farmacologico non ottimale; all'ECG: RS, BAV di I°, ritardo SX superiore e ritardo ventricolare DX; TEST di riserva coronarica con DIPIRIDAMOLO ad alta dose: esame concluso in assenza di sintomi; non indotte significative alterazioni ECG e modesta dissinergia della parete inferodorsale apicale; coronaria ANT. distale pervia, di buon calibro e con normale riserva coronarica; coronaria POST. pervia, con riserva coronarica lievemente ridotta (comportamento flussimetrico al limite della stenosi funzionalmente critica) -> utile approfondimento diagnostico con coronarografia. Così è stato fatto, con gli esiti che ho detto all'inizio della mia lettera. Alla dimissione , oltre alla Terapia ipotensiva adeguatamente modificata per un miglior controllo della PA, gli è stata prescritta la Ticlopidina (250mg X 2) per 1 mese; non so se gli stent posizionati siano medicati o meno, ma il mio timore è che, alla sospensione dell'antiaggregante, ci siano rischi di chiusura degli stent stessi; è il caso di passare a 250 mg/die e di continuare più a lungo con l'assunzione di tale farmaco? E' stato fatto tutto quello che i protocolli suggeriscono? Qual è la percentuale di rischio di chiusura degli stent e dopo quanto tempo si verifica di solito? Mio padre assume anche l'aspirinetta, è sufficiente? Mi scusi molto se mi sono dilungata nel descriverLe il caso a La ringrazio molto per la risposta, ma tutto ciò che ho descritto è capitato inaspettatamente e ha messo in grande Ansia tutta la famiglia! Cordiali saluti Patrizia