L’ESPERTO RISPONDE

Gentile dottore,sono un ragazzo di 21 anni. da

Gentile dottore,sono un ragazzo di 21 anni. Da qualche settimana mi sono reso conto di avere una sorta di piccolo pallino nella zona anale, abbastanza vicino alla "uscita" (mi spiace, non so esprimermi in termini medici). Me ne sono reso conto perché, a seconda della durezza delle feci, poteva capitare di trovare del sangue nella carta igenica (per... Leggi di più fortuna non direttamente nelle feci), come se provenisse da una ferita fresca. Non conosco molto bene la differenza fra emorroidi e ragadi, e non so nemmeno se si tratti di una di queste due cose, o addirittura un polipo. Posso dirle però, nel caso le fosse d'aiuto a capire il problema, che fino all'anno scorso soffrivo molto spesso di stitichezza. Poi ho iniziato a seguire una dieta più sana, tendente al vegetariano, e ricca d'acqua, e nonostante qualche eccesso opposto (feci molto liquide, talvolta) la stitichezza si presenta più raramente, di solito solo a causa di qualche eccesso "universitario", veda pizzate e aperitivi. Questa settimana però ho sofferto molto perché questo pallino sembra essersi infiammato, col risultato che adesso ho una paura matta di andare in bagno: il dolore è acuto e pungenteOltre a chiederle, secondo lei, di cosa si possa trattare (dovrò partire a breve per un viaggio, ma appena torno ho intenzione di farmi visitare al più presto possibile), le chiedo anche se questo problema possa essere causato dal sesso anale e, in caso si trattasse proprio di emorroidi o ragadi, se questo significa che non potrò mai più praticarlo. Volevo anche chiederle: posto che la stipsi si presenta di rado, c'è qualche cosa che posso prendere in farmacia per ammorbidire le feci, nel caso ci fosse bisogno?Ringraziandola in anticipo e scusandomi per la poca chiarezza e per le troppe domandeG.

Risposta del medico
Specialista in Chirurgia generale e Oncologia

Buongiorno,

Secondo quello che lei descrive dovrebbe trattarsi di un nodulo emorroidario tronbosato: faccia tre semicupi al di con acqua calda, metta la pomata e prenda dei flavoniodi, per ammorbidire le feci assuma psyllium. se dopo sei settimane il problema persiste, consulti un proctologo specialista.

grazie e cordiali saluti

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Escherichia coli: che cos'è e quali sono i sintomi
Escherichia coli: che cos'è e quali sono i sintomi
1 minuto
Quali sono i rapporti a rischio HIV?
Quali sono i rapporti a rischio HIV?
1 minuto
Il fenomeno delle baby gang: chi sono gli adolescenti violenti
Il fenomeno delle baby gang: chi sono gli adolescenti violenti
1 minuto
Vaiolo delle scimmie: cos’è e quali sono i sintomi
Vaiolo delle scimmie: cos’è e quali sono i sintomi
2 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Chirurgia generale
Brescia (BS)
Specialista in Colonproctologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Cantù (CO)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia generale
Messina (ME)
Specialista in Colonproctologia e Gastroenterologia
Milano (MI)
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Endine Gaiano (BG)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Chirurgia generale e Gastroenterologia
Prov. di Siena
Specialista in Chirurgia generale e Gastroenterologia
Roma (RM)
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia generale
Lecce (LE)
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia generale
Prov. di Roma
Specialista in Chirurgia generale e Gastroenterologia
Prov. di Novara