30-03-2008

Gentile dottore, sono un ragazzo di 26 anni 1.70 x

Gentile dottore, sono un ragazzo di 26 anni 1.70 x 78 kg. Volevo porle una domanda, da molto tempo sia a lavoro perchè stressante, che a casa non riesco a rilassarmi sono all'incirca quasi due anni che mi prendono questi fenomeni, ho come un indurimento dei muscoli addominali e della pancia questo mi porta un autostress del fisico, iperidrosi ascellare, ansia stress ecc. La mia pressione arteriosa sale inevitabilmente per otto ore continue a 160/85 o 147/78 con dei sbalzi pressori. Altri sintomi, una pressione a entrambe le parti, nelle vicinanze delle orecchie, extrasistoli e acufeni. Volevo dirle se devo prendere gli opportuni provvedimenti, il fatto che questo mi capita quando relaziono con la gente sempre, mentre a casa raramente solo quando sto la pc. Diciamo che il tutto forse deriva dal lavoro essendo un dipendente a tempo determinato i carichi di lavoro sono estremamente pesanti. La ringrazio per la sua disponibilità. Cordiali saluti
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Gentile Signore, come Lei stesso indica, i sintomi da Lei riferiti possono essere attribuibili a uno stato d’ansia. Lo stress emotivo può determinare aumento di pressione e/o di frequenza cardiaca, tuttavia, il fatto che riferisca valori pressori stabilmente elevati, extrasistolia, acufeni, mi induce a consigliarLe di far riferimento al suo medico curante per uno screening di eventuali altre cause di ipertensione arteriosa prima di parlare con sicurezza di uno stato di ansia, per il quale sarebbe utile un supporto psicologico.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato respiratorio | Malattie dell'apparato cardiovascolare