Gentilissimi specialisti, il mio è un problema che risale a circa 40 anni fa, allorchè ho iniziato a soffrire di bruciori post minzionali. In questi lunghi anni, ora ne ho quasi 64, ho convissuto con questi sintomi, peregrinando tra diversi urologi, per cercare di alleviare i sintomi che ciclicamente si ripetono, ma senza risolvere definitivamente... Leggi di più il problema e, sopratutto, senza sapere in effetti con precisione ciò che mi affligge. L'unica cosa certa è un fisiologico aumento della prostata.In definitiva i miei sintomi attuali sono: l'eterno bruciore post minzionale che si può scatenare anche diverse decine di minuti dalla minzione, la sensazione di avere sempre qualcosa di estraneo nell'ultimo tratto dell'uretra e un puzzo insopportabile che mi rimane dopo aver urinato e che, a volte, mi crea disagio con chi mi sta a fianco.Premesso che la minzione è sempre piuttosto debole( ma potrebbe dipendere anche dal fatto che ho una leggera fimosi),ho notato che prendendo antibiotici( tra cui Bactrim) e a volte Monouril ( quando la sintomatologia è piuttosto incalzante) provo un pò di sollievo e sicuramente vado molto meglio.Come poter fare per risolvere definitivamente il problema ?Volevo solo aggiungere che una spermiocultura eseguita circa un anno fa ha messo in evidenza batteri del tipo escherichia coli( ma a dire il vero penso che ci sia stata una discreta contaminazione nel prelievo).Grazie per la Vs. risposta.