03-08-2016

Gestire la pressione alta con Amicomed

Gentile dottore, le scrivo per mia mamma che ha 65 anni. Da diverso tempo soffre di pressione alta (Min. 75 Max 135) e il medico le ha prescritto delle pillole che lei prende abbastanza regolarmente. Il medico le ha anche detto che se riuscisse a mangiare con meno sale e a fare un po' di attività fisica in più riuscirebbe a controllare la pressione molto meglio.
Purtroppo io non riesco a convincerla a cambiare alcune abitudini, però ho letto su questo sito di un programma, si chiama Amicomed, che aiuta le persone a contrastare l'ipertensione. Crede che sia efficace? è verosimile che mia mamma riesca a seguirlo? se lo facesse, dopo quanto tempo potrebbe apprezzarne i risultati?
Amicomed
Risposta di:
Amicomed
Risposta
Gentilissimo,
tutte le linee guida identificano la modifica degli stili di vita come la prima arma per combattere l'ipertensione. Una alimentazione corretta, povera di sale e di grassi, e la giusta attività fisica (che potrebbe essere semplicemente una camminata veloce) posso portare ad ottimi risultati. Il programma Amicomed permette di ottenere una dieta equilibrata che segua le preferenze della persona e l'indicazione dell'attività fisica più adatta alle condizioni della persona stessa. Secondo i risultati ottenuti e presentati in molti congressi scientifici internazionali, seguendo i consigli del programma di Amicomed si può ridurre la pressione fino a 20mmHg.
Il programma non è difficile da seguire, come vede si tratta solo di mettere in pratica dei consigli più dettagliati e personalizzati rispetto a quelli più generici che solitamente il medico "prescrive".
Il raggiungimento dei risultati dipende da molti fattori, alcuni dei quali sono completamente indipendenti dal programma stesso.
Il consiglio è quello di provare a seguire il programma per almeno 3 mesi, tempo minimo necessario per iniziare a vedere dei risultati concreti.

Spero di aver risposto in maniera esaustiva alla sua domanda.
Cordiali saluti
Questo servizio di consulenza è offerto grazie alla collaborazione con
TAG: Amicomed | Cuore | Ipertensione | Malattie dell'apparato cardiovascolare