Ho da circa 4-5 mesi dei molluschi contagiosi in zona pubica, che sto curando dal dermatologo con curettage. Il problema è che, ogni qualvolta sembra che il problema sia finito, dopo l'ennesimo controllo si trovano sempre 2 o 3 nuovi "foruncoli" che mi vengono asportati... e sembra che questa maledizione non possa finire mai! Non sono riuscito... Leggi di più ancora a farmi un'idea chiarissima sulla cura e sul contagio, quindi le chiedo cortesemente se può rispondere ad alcune mie domande:1) essendo i molluschi derivanti da un Virus, mi è stato detto dal medico che la "guarigione" dipende molto dallo stato delle proprie difese immunitarie. Ciononostante non mi ha mai prescritto nulla da assumere. Esiste qualche farmaco che puoì aiutarmi nella "lotta" a questo assillo? O dei modi per evitare che continui ad "autocontagiarmi" o a spargere questi maledetti foruncoli nella mia zona pubica?2) curettage: come mi ha detto anche il medico, è una pratica che può essere eseguita anche da soli, con apposita pinzetta e disinfettando la ferita (come ho fatto diverse volte). Volevo sapere se una volta asportata la "pallina bianca" e disinfettata la ferita, questa continua ad essere contagiosa o meno. E devo prestare particolare attenzione, nella pratica del curettage, per evitare "contatti" con altre zone del pube e quindi spargere l'infezione?3) problema del "contagio". Per favore, questa è la domanda più importante e sulla quale ho meno chiarezza in assoluto. Diciamo che in questo periodo la mia attività sessuale è praticamente bloccata perchè ho sempre paura di un eventuale contagio alle mie partners. Per questo volevo chiarezza in proposito. Posto che sto molto attento e mi controllo ogni giorno, volevo sapere se i molluschi, per essere effettivamente contagiosi in un eventuale rapporto sessuale, è sufficiente che siano anche solo in incubazione (e quindi non visibili), oppure devono essere già sufficientemente "sviluppati" e visibili esternamente per potersi trasmettere durante il rapporto sessuale al partner? E in tali casi (sempre che lei abbia sottomano statistiche in proposito) in che percentuale è quantificabile il rischio di un contagio? La ringrazio infinitamente.