15-03-2004

Ho quarant'anni, conduco una vita abbastanza

Ho quarant'anni, conduco una vita abbastanza normale, faccio sport a livello amatoriale. Da una ventina di giorni ho frequenti attacchi di Extrasistole che, di norma, si verificano dopo mangiato e si attenuano dopo un po' (ma talvolta durano molto, anche per ore e in maniera continuata). Ho consultato il cardiologo che non ha registrato nulla di anomalo nell'ECG. A giugno ne avevo fatto uno sotto sforzo ed era tutto Ok (il cardiologo mi ha detto che ho il Cuore di un ventenne). Mi ha però consigliato di fare un ecografia tiroidea ed una Gastroscopia. Queste extrasistole non mi preoccupano granché, ma sono oggettivamente fastidiose. E' probabile che fenomeni di questa entità possano dipendere unicamente da ernia iatale?
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Le extrasistoli (cioè dei battiti anticipati che interrompono in normale regolare ritmo cardiaco) di per sé non costituiscono un grosso problema se non sono associate ad un’altra malattia cardiaca di cui costituiscono un sintomo. In assenza di una tale associazione tale artmia non necessita di alcuna terapia. Lei è già stato visto da un cardiologo che non Le ha riscontrato particolari problemi a questo livello. Giustamente le extrasistoli possono trovare una loro origine anche in una patologia tiroidea o gastroenterica ed il suo Medico giustamente sta cercando di approfondire gli accertamenti in tale ambito. In caso di un riscontro positivo, la terapia da mettere in atto è carico della patologia di base.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!