02-05-2008

Ho un problema di aerofalgia quando mangio verdure

Ho un problema di aerofalgia quando mangio verdure (per quanto ne capisco), premetto che sono reduce da una dieta fatta presso un dietologo, la mia dieta era basata principalmente su verdure per perdere peso. Penso proprio che da allora soffro di gonfiore allo stomaco e sono sempre in difficoltà quando mi trovo in situazioni che non mi posso allontanare. Ho provato le compresse di carbone attivi, milicon ma non ho trovato beneficio. Vi chiedo di aiutarmi a superare questo problema.Grazie anticipatamente.Vi auguro una buona ricerca per il mio problema.Vito Tumino
Risposta
AEROFAGIA: é un fastiodoso disturbo, spesso causato da cattive abitudini, che ha come effetto il senso di pancia gonfia, dolori addominali, rilascio di aria indesiderata. Cos'è l'aerofagia L' aerofagia è letteralmente un'ingestione eccessiva di aria che si accumula nel nostro sistema digerente creando da lievi disturbi come dolori addominali fino a vere e proprie patologie. Normalmente con il cibo, i liquidi e la deglutizione della saliva (che contiene bollicine d'aria) una certa quota d'aria viene introdotta (2-3 ml di aria per deglutizione), ma quando l'introito diventa sproporzionato c'è qualcosa che non funziona e bisogna accertarne le cause e prendere dei provvedimenti. Da cosa é causata Diverse sono le cause che portano a questo fenomeno: - modificazioni ormonali che avvengono durante la gravidanza; - patologie delle vie digestive e biliari come ulcera, gastroduodenite, colecistopatie, ernia iatale ecc. - cause comportamentali come la cattiva abitudine di mangiare troppo in fretta (tachifagia), bere spesso bibite gassate, utilizzare apparecchi dentali non idonei, masticare continuamente chewingum ecc. - Anche la rinite e la sinusite cronica, provocando un'aumentata quantità di saliva da deglutire, possono far accentuare il fenomeno. - Infine ci sono i fattori psicologici. Meteorismo Il meteorismo può dare manifestazioni simili all'aerofagia, ma in realtà ha altre cause. È sempre un eccesso di gas nelle vie digestive, ma non si tratta di aria ingerita per via orale, bensì di gas quali azoto, anidride carbonica e in alcuni casi metano. Questi vengono prodotti nell'intestino a causa della fermentazione di zuccheri e cellulosa assunti in eccesso nella dieta perché la digestione si rende più difficoltosa. Talvolta possono essere implicate anche infezioni batteriche (ad esempio Helicobacter pilorii) o altre alterazioni di stomaco, intestino e fegato da verificare consultando un medico. Eruttazione e flatulenza L'escrezione dell'aria può avvenire per eruttazione, per flatulenza o per espirazione attraverso i polmoni. Normalmente vengono escreti una media di 700 ml di gas per giorno. L'eruttazione è definita come un'emissione brusca e rumorosa attraverso la bocca di aria accumulata nello stomaco durante l'assunzione del cibo e di gas prodotto dalla digestione. La flatulenza è l'emissione di gas intestinale per via rettale. RIMEDI Aerofagia e pancia gonfia: 1) ridurre la presenza di pane, pasta e prodotti lievitati dalla nostra dieta 2) evitare cibi elaborati, fritti o ricchi di sughi 3) preferire le verdure cotte poiché quelle crude tendono a fermentare nell'intestino 4) migliorare la funzionalità intestinale 5) mangiare lentamente e possibilmente seduti 6) camminare 1 ora al giorno o fare attività fisica 7) evitare il fumo 8) Non utilizzare bibite gassate o alcoliche e gomme da masticare. Altri Rimedi: --- Rimedi naturali: Prima di ricorrere ad un intervento di qualsiasi tipo è sempre bene consultare il medico ed escludere eventuali patologie, parassitosi ecc. Possiamo successivamente aiutarci con la fitoterapia approcciando il problema a diversi livelli (ma è bene consultare prima un erborista). Se il problema è essenzialmente legato allo stress o a stati d'ansia molte erbe ci vengono in aiuto: Valeriana, Melissa, Passiflora, Escolzia, Iperico ed altre. Per la cattiva digestione e per la flatulenza si consiglia l' Angelica, usata con successo per contrastare gastrite, nausea e meteorismo. Questa pianta è ottima grazie al suo contenuto in sostanze amare che favoriscono la digestione, soprattutto se associata a carbone vegetale, che cattura i gas in eccesso legandosi fisicamente ad essi. Per una cattiva digestione si consigliano un infuso di Alloro, il Carciofo e il Cardo mariano; per i crampi allo stomaco una tisana di Achillea, fiori d'Arancio e Valeriana. L'erba forse più usata per contrastare la flatulenza è il Finocchio selvatico e inoltre trova un largo utilizzo in questi disturbi anche l' Aloe. Altri preparati erboristici che possono essere usati sono quelli a base di menta, trifoglio fibrino, cumino dei prati, cardo santo, coriandolo e cenere di equiseto. Se lo stimolo di inghiottire aria a vuoto è legato a stati inconsci o a tic nervosi, può essere utile il ricorso alla psicoterapia, eventualmente associata a farmaci ansiolitici. Rimedi farmacologici: - i più noti sono il dimeticone, il carbone vegetale (che sta già usando) e quegli antibiotici in grado di riequilibrare la flora batterica intestinale: rifamixina; fermenti lattici Ovviamente il ricorso a farmaci dovrebbe sempre avvenire dietro prescrizione medica. Cordiali saluti Dott. Corso Concetto Diabetologo
TAG: Diabete | Endocrinologia e malattie del ricambio
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!