Logo Paginemediche
  • Programmi
  • Visite
  • Salute A-Z
  • Chi siamo
  • MediciMedici
  • AziendeAziende
Cos'è la fascite plantare?
2 minuti di lettura

Cos'è la fascite plantare?

Quando il legamento arcuato del piede si infiamma siamo in presenza di una fascite plantare. Ecco i rimedi.
In questo articolo:

La fascite plantare è una patologia infiammatoria della guaina (fascia) che riveste la muscolatura della pianta del piede e induce un dolore fino al tallone (tallonite).

È l'infiammazione del legamento arcuato del piede: il tessuto connettivo tra il tallone e il metatarso si può danneggiare e diventare dolente (a causa dell'infiammazione) fino al fondo del tallone.

Esistono quattro tipologie di fascite e le cause variano a seconda del tipo di fascite.

Come si può alleviare il dolore sotto la pianta del piede?

Importante togliere l'infiammazione ed il dolore. È necessario conoscere e/o stabilire la causa eseguendo una visita accurata ed eventuali indagini mediante diagnostica per immagini (radiografie - ecografie - risonanza magnetica).

Le terapie fisiche (ad esempio laser e/o tecarterapia) non sempre sortiscono effetti durativi.
Bisogna mettere in sesto tutti i muscoli, facendo una valutazione posturale e della colonna vertebrale (almeno dalla lombare in giù).

Fascite plantare e ossigeno-ozonoterapia

Ma non basta la rieducazione muscolare per risolvere i problemi legati a queste patologie. Sono stati riscontrati dei buoni o ottimi risultati con l'ossigeno-ozonoterapia.

Questa eccellente terapia (eseguita per via sottocutanea secondo i protocolli sioot) induce una progressiva regressione dell'infiammazione e del dolore fino alla completa guarigione clinica.

L'ossigeno-ozonoterapia migliora il microcircolo, mobilizza le citochine pro-infiammatorie e favorisce la produzione di citochine antinfiammatorie (con benefici anche sui sintomi generali stanchezza, disturbi del sonno e dell'umore, mani e piedi freddi).

Il ciclo di terapia varia da 10 a 12 sedute in base alla gravità dell'infiammazione. Interferiscono negativamente i muscoli del bacino, i flessori del ginocchio e dei polpacci (quando si associa una o più contratture).

L’hai trovato utile?

Condividi

Iscriviti alla newsletter di Paginemediche
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali