L’ESPERTO RISPONDE

Il ruolo dell'endoscopista e' fondamentale

Gent.mi Medici,Sottopongo il caso di mia mamma, 64 anni, sottopostasi da poco a colonscopia virtuale (la prima fin'ora), per avere chiarimenti, se possibile, sulla sua situazione. Viene riscontrata nel colon discendente una formazione endoluminale a carattere vegetante del diametro di 25,49 mm a morfologia bilobata. Non si riconoscono significative... Leggi di più alterazioni dello spessore parietale o alterazioni di densità del tessuto adiposo peri viscerale limitrofo, in particolare da riferire a nodulazioni linfonodali satelliti. Spiegandoci il referto il radiologo ha detto che non può essere sicuro trattarsi di un polipo (cmq non peduncolato) e quindi ha indicato con una certa urgenza la necessità di colonscopia tradizionale.Ciò ci ha tanto spaventati. E' ancora possibile che si possa trattare di un polipo benigno nonostante le dimensioni rilevanti? Qualora si trattasse di un adenocarcinoma, come temiamo, è possibile che sia ancora in stadio iniziale, quindi senza metastasi e con possibilità di cura definitiva? Mia mamma si sottoporrà a colonscopia con polipectomia tra qualche giorno, quindi toglieranno questa formazione in endoscopia??E' corretto come atteggiamento? Vi sarei grata se poteste rispondere a queste mie domande. Ringrazio anticipatamente e faccio i complimenti per il servizio svolto, veramente prezioso.

Risposta del medico
Specialista in Chirurgia generale e Oncologia

Gent. SignoraDevo necessariamente essere prolisso nella risposta, sperando pero’ di essere chiaro.Il termine “polipo” e’ comunemente usato come sinonimo di neoformazione benigna, ma in realta’ indica soltanto l’aspetto esterno della neoformazione cioe’ il fatto che sia un “qualcosa” che protrude all’interno del tubo digerente.Da un punto di vista “visivo” un polipo puo’ essere “peduncolato” (cioe’ avere una forma di “fungo”, con un gambo piu’ o... Continua meno sottile) oppure essere “sessile” (cioe’ avere una forma di “collinetta”). L’aspetto visivo (“macroscopico”) condiziona anche il trattamento.Da un punto di vista “istologico” (“microscopico”) un polipo puo’ essere NON TUMORALE (infiammatorio, iperplastico) oppure essere tumorale (ADENOMA o ADENOCARCINOMA). E’ ovvio che il trattamento corretto si puo’ solo impostare quando si ha un esame istologico completo SU TUTTO IL POLIPO, perche’ il polipo puo’ essere un adenoma benigno ma contenere aree di trasformazione adenocarcinomatosa. Le probabilita’ di avere una trasformazione carcinomatosa in sono tanto piu’ alte quanto e’ grande il polipo. In pratica quante siano queste probabilita’ ha poca importanza. La conclusione e’ una sola: tutti i polipi sopra i 5 millimetri devono essere asportati e esaminati.Quando il polipo e’ peduncolato la condotta e’ semplice: lo si asporta endoscopicamente. In genere, avendo il polipo stesso un “gambo”, l’asportazione endoscopica non e’ difficile e i rischi di complicanze sono cosi’ bassi da far preferire un primo approccio endoscopico. L’esame istologico del polipo dira’ poi se l’asportazione endoscopica e’ stata sufficiente oppure e’ necessario un successivo intervento chirurgico di resezione intestinale.Quando il polipo e’ sessile (come sembrerebbe nel caso di Sua madre) la condotta non puo’ essere uguale per tutte le situazioni.Certamente il primo passo e’ fare la coloscopia ottica (tradizionale) per avere una visione diretta del polipo. Durante la coloscopia l’endoscopista deve decidere che cosa e' piu' opportunofare, in base all’aspetto del polipo e alla sua posizione, al quadro clinico complessivo del paziente (perche’ ha fatto la coloscopia virtuale? ha malattie di altro tipo?). Questo perche’ l’asportazione di un polipo sessile e’ tecnicamente piu’ impegnativa e puo’ comportare complicanze severe. Vi sono diversi quadri:a)il polipo ha un aspetto molto sospetto per carcinoma, e’ effettivamente sessile con una base di impianto “larga” per cui e’ alto il rischio di perforazione della parete del colon (con conseguenze disastrose per il futuro oncologico del paziente). L’endoscopista puo’ rinunciare alla polipectomia, fare una semplice biopsia, e inviare il paziente direttamente al chirurgo;b)il polipo ha un aspetto benigno, e’ in posizione favorevole, l’endoscopista ha sufficiente esperienza nelle polipectomie. L’endoscopista puo’ ragionevolmente procedere alla polipectomia.Questi sono i due casi limite con in mezzo miriadi di situazioni intermedie.La conclusione e’ che bisogna affidarsi a un coloscopista ricco di capacita’ e anche di buon senso.Ci sono esami che possono aiutare l’endoscopista a fare la scelta giusta? Si’ e no. Certamente uno studi con lo scopo di valutare con accuratezza gli strati della parete del colon nella sede del polipo (TC o Risonanza Magnetica mirate, Eco-endoscopia oppure Ecografia intestinale) potrebbe aiutare ma non e’ facile che diano risultati definitivi.A sua disposizione per ulteriori chiarimenti.Dott. Piero GagliaSpecialista in Chirurgia e in Oncologia 

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
Mirtillo rosso: i benefici per la vista
Mirtillo rosso: i benefici per la vista
2 minuti
Epatiti virali: sintomi e precauzioni da prendere per prevenirle
Epatiti virali: sintomi e precauzioni da prendere per prevenirle
4 minuti
Coliche intestinali: sintomi, cause e consigli
Coliche intestinali: sintomi, cause e consigli
3 minuti
Il freddo aiuta a dimagrire perché altera la flora batterica intestinale
Il freddo aiuta a dimagrire perché altera la flora batterica intestinale
1 minuto
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Chirurgia generale
Brescia (BS)
Specialista in Colonproctologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Cantù (CO)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia generale
Messina (ME)
Specialista in Colonproctologia e Gastroenterologia
Milano (MI)
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia dell'apparato digerente
Endine Gaiano (BG)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Chirurgia generale e Gastroenterologia
Prov. di Siena
Specialista in Chirurgia generale e Gastroenterologia
Roma (RM)
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia generale
Lecce (LE)
Specialista in Gastroenterologia e Chirurgia generale
Prov. di Roma
Specialista in Chirurgia generale e Gastroenterologia
Prov. di Novara