In base alla sua esperienza pensa che accanto ad un malato inguaribile possa svolgere un ruolo un educatore professionale?
Nel senso di costruire una relazione d’aiuto con la famiglia e con il malato affinché il confronto con la morte possa produrre un qualche progresso, una crescita?