Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

05-06-2006

Intanto ringrazio anticipatamente per le vostra

INTANTO RINGRAZIO ANTICIPATAMENTE PER LE VOSTRA ATTENZIONE. CIRCA 2 ANNI FA, DOPO AVERE AVUTO L'HERPES (NON SO SE L'HO SCRITTO IN MODO CORRETTO) UNA MATTINA MI RITROVAI CON IL COLLO DOLORANTE, PRECISAMENTE IN UN MUSCOLO SOTTO LA BOCCA DAL LATO ESTERNO, E TOCCANDOMI SENTII UN GONFIORE, MI PREOCCUPAI SUBITO E ALLORA ANDAI SUBITO DAL MIO MEDICO CURANTE, CHE NON FU DI GRANDE AIUTO. USCITO DA LI' ANDAI SUBITO AL PRONTO SOCCORSO POLICLINICO DI PALERMO E DOPO UNA VISITA, UN MEDICO MI DISSE DI TORNARE DOPO QUALCHE GIORNO, FACENDOMI ASSUMERE DELLE BUSTINE ANTI INFIAMMATORIE. TORNATO LI' QUESTA VOLTA NEL REPARTO DI CHIRURGIA D'URGENZA MI FECERO ALCUNI ESAMI COMPRESO UNA ECOGRAFIA, E DOPO ESSERE RIMASTO LI ALCUNE ORE, IL MEDICO MI DISSE CHE NON ERA NECESSARIO ESEGUIRE ALCUN INTERVENTO E CHE SI TRATTAVA DI UN LIPOMA ,IN PIU' IN MERITO NON MI RILASCIO' ALCUN DOCUMENTO. TRASCORSO CIRCA UN ANNO E SOPPORTANDOMI IL DOLORE CHE MI PORTAVA QUESTO LIPOMA INIZIAI A INFORMARMI UN PO', E GIRANDO SU INTERNET HO SCOPERTO CHE I LIPOMI SONO SOLO SOTTOCUTANEI MENTRE IO LO SENTO PROPRIO NEL MUSCOLO. ALLORA ANDAI DI NUOVO IN QUEL REPARTO, MA QUEI MEDICI NON LI CONOSCEVA NESSUNO, MI SONO RIVOLTO DI NUOVO AL PRONTO SOCCORSO E MI MANDARONO DALL'OTORINO E DOPO UNA BREVE VISITA, FATTA SEMPLICEMENTE CON LE MANI, MI DISSE CHE SI TRATTA DI UN LINFONODO REATTIVO E CHE NON SI DEVE TOCCARE, NONOSTANTE IL MIO FASTIDIO HA PRESO UNA PARTE DEL COLLO PIU' VASTA RIMANENDO + O - DELLE STESSE DIMENZIONI (IL LINFONODO). A QUESTO PUNTO NON SO COSA FARE SONO PASSATI PIU' DI 2 ANNI E DAL LATO SINISTRO DEL COLLO CONTINUO AD AVERE UN DOLORE CHE VA SCENDENDO SEMPRE PIU' E ALCUNE VOLTE LO CALMO CON DELLE BUSTINE ANTI INFIAMMATORIE. ADESSO VI CHIEDO: E' POSSIBILE CHE UN LINFONODO REATTIVO SI RICONOSCA SOLO PALPANDO CON LE MANI? E' VERO CHE NON SI DEVE ASPORTARE? E' NORMALE CHE IL FASTIDIO VA PRENDENDO UNA SUPERFICIE SEMPRE PIU' VASTA RIMANENDO, IL LINFONODO, DELLE STESSE DIMENSIONI? COSA MI CONSIGLIATE DI FARE?
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
La descrizione del quadro clinico non suscita particolari preoccupazioni; in questo caso la visita medica e l’ecografia sono più che sufficienti per dirimere il dubbio diagnostico; con esse si individua la sede, natura e le caratteristiche della lesione (sottocute, muscolo, tiroide/lipoma, linfonodo, cisti); il consiglio è quello di rivolgersi ad un collega ritenuto esperto che solo deve dare i consigli clinici più opportuni.
TAG: Oncologia | Tumori
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!