Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

18-01-2014

iperlordosi lombare e lavoro

Salve dottore,ho fatto una risonanza,dagli esiti,mi è stata trovata la lordosi,in quanto ho una gamba piu piccola rispetto all'altra.Il mio medico di base,mi ha prescritto di andare da un podologo,per farmi fare un plantare.Nel frattempo,io lavoro in una ditta di circ 200 operai,con diversi reparti.Ho fatto per 5 anni il magazziniere esterno,dove guidavo un carrello elevatore per diverse ore.L'ambiente esterno non era dei migliori,buche,avvallamenti,freddo di inverno.La prima domanda è : può essere stato anche ciò a procurami lo spostamento e dolori alla schiena?.Ora da 3-4 mesi lavoro nel reparto imballaggio dove faccio il carrellista.Sto 8 ore su 8 sul carrello.Con il problema che ho,mi da fastidio stare seduto tutte queste ore sul carrello.Mi viene dolore dopo le 2-3 che ci sto seduto.é normale?che posso fare?Grazie
Risposta di:
Dr. Alfio Origlio
Specialista in Medicina del lavoro
Risposta

Gentile Utente,

l'accentuazione della fisiologica lordosi lombare deriva da vari fattori tra cui, fattori costituzionali familiari ereditari, nonchè la incongrua postura assunta nel corso di anni, specie nell'età di massima crescita corporea (età dell'adolescenza), quando si sta in piedi o seduti, etc. Tale condizione in età adulta rende più suscettibili di andare incontro a disturbi a carico colonna dorso-lombare fino a sindrome dolorosa, specie nelle ipersollecitazioni del tratto, es. movimentare carichi pesanti o in modo sbilanciato, oppure stare in posizioni forzate (es. seduti per ore), o come nel suo caso guidare carrello elevatore specie su suolo accidentato , etc.. Supportato dai referti e certificazioni mediche specialistiche, le consiglio di rivolgersi al medico competente dell'azienda presso cui lavora per sottoporsi a visità di idoneità alla mansione specifica, alfine di trovare la migliore soluzione al suo caso.

 Cordiali Saluti

TAG: Medicina del lavoro | Salute sul lavoro
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!