Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

10-11-2017

Ispessimento pleurico apicale e marginocostale alto

Gentili dottori buonasera, sono un uomo di 38 anni, peso 80 kg per 170 cm di altezza, non soffro di patologie particolari, tranne che di un leggero stato di ipertensione di natura alimentare che si presenta nei mesi freddi, ma finora tenuta sotto controllo solamente diminuendo le dosi di sodio negli alimenti e facendo lunghe passeggiate in inverno e senza ricorre a farmaci. Dal mese di luglio avverto dolorini intermittenti al torace, localizzabili sotto il seno destro fino ai muscoli del diaframma e che si irradiano fino alla schiena, non sono lancinanti, ma fastidiosi e vanno e vengono. Non riesco a capire se si tratti di qualcosa di muscolare o di scheletrico, anche se delle volte, quando mi sgranchisco stirando i muscoli mi si bloccano proprio quelli immediatamente sotto le costole: è come se avvertissi un crampo dei muscoli costali bassi e di quelli del diaframma, a volte a destra altre a sinistra, a seconda della parte del corpo che sollecito; quando ciò a cade rimango bloccato per qualche secondo e non riesco proprio a muovermi dal dolore, fino a quando la parte interessata non si rilassa. Una volta mi capitava solo con i muscoli delle gambe e dei piedi e con quelli del palato.

Premetto che conduco una vita sedentaria e amo stare diverse ore al giorno, anche 8-9, davanti al pc sdraiato sulla divano: di solito appoggio il pc sul bordo sinistro della penisola e rimango spesso girato su quel lato, tenendo il busto in una posizione irregolare, obliqua verso sinistra, inoltre da quest'estate ad oggi ho messo su 5 kg soprattutto nella parte addominale. Pochi giorni fa ho deciso di fare una rx al torace, su consiglio del medico curante, con i seguenti esiti: Non evidenti lesioni pleuro-paranchimali in atto. Ispessimento pleurico apicale e marginocostale superiore a destra. Ombre ilari e cardio-mediastinica nei limiti di norma. Scf liberi. Non alterazioni a carico delle coste nelle proiezioni assunte.

La mia domanda è: mi devo preoccupare? Soffro inoltre di reflusso esofageo e sono una persona molto nervosa e ansiosa, il lavoro che faccio mi stressa parecchio, non tanto fisicamente quanto psicologicamente, perché lavoro soprattutto con la mente e con la voce. Non ho altre sintomatologie: non avverto stanchezza, non ho tosse (tranne quando sono influenzato, in questi giorni sto uscendo da un periodo di raffreddore e mal di gola), non ho mai avuto problemi respiratori. Ho letto tante cose strane sul web che mi hanno messo una certa apprensione, anche se il medico che ha curato il referto mi ha detto che si tratta di una sorta di cicatrice che risale alla mia gioventù, quando potrei aver avuto una pleurite o una polmonite curata per altro. Da quando ho fatto quest'esame sto attento al minimo dolore e diciamo pure che mi sto stressando ulteriormente, ho un pensiero fisso, e che non dormo tranquillo da parecchie notti. Grazie infinite per la vostra risposta.

Risposta di:
Dr. Giorgio De Bernardi
Specialista in Allergologia e immunologia clinica e Fisiopatologia e fisiokinesiterapia respiratoria
Risposta

La sintomatologia riferita sembrerebbe riconducibile a problemi relativi alla colonna dorsale o cervico-dorsale, a causa delle posizioni anomale che assume per tante ore al giorno. Provi a lavorare con il PCin modo più fisiologico ed esegua attività ginnica per l'estensione della colonna. Dovrebbe averne un più che discreto beneficio nel giro di pochi giorni. Se dovesse persitere la sintomatologia, dovrà eseguire una valutazione ortopedica e probabilmente una RNM della colonna dorsale. Il reperto radiologico sembra proprio un esito di antica pleuite. Può ripetere l'esame tra 4-6 mesi. Cordiali saluti.

TAG: Malattie dell'apparato respiratorio | Ortopedia e traumatologia | Polmoni e bronchi
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!