Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

18-11-2013

L'uso di pastiglie nelle diete dimagranti è dannoso alla tiroide!!

Buongiorno,vorrei avere un consulto a causa di un problema scatenato da una dieta dimagrante accompagnata da pastiglie. Circa 15 anni fa per perdere i chili di troppo, mi ero rivolta ad un endocrinologo che mi aveva prescritto delle pastiglie i cui componenti non ricordo. La dieta aveva avuto effetto e, cercando di controllarmi nell'alimentazione, al termine della dieta non avevo più ripreso i chili.A distanza di circa 10 anni, dopo un periodo critico della mia vita, mi sono ritrovata con qualche chilo di troppo (circa 5 chili). Poiché sono di natura pigra, ho evitato palestre e attività fisica e mi sono nuovamente rivolta allo stesso endocrinologo.Questa volta però si è innescato un processo dal quale non riesco più ad uscire.Subito sono dimagrita, ma appena ho completato la cura, ho ripreso i chili persi. Ho rifatto nuovamente la cura. Lo specialista mi aveva rimproverato di non aver fatto bene il mantenimento.Ma anche questa volta l'effetto è stato lo stesso. Ho contattato nuovamente lo specialista, questi mi ha modificato qualche ingrediente delle pastiglie e mi ha riproposto la cura.E così il ciclo si sta ripentendo da circa 5 anni, dove da un lato, in progressione, perdo sempre meno chili e dall'altro, al termine della dieta li riprendo sempre più in fretta e in più. Nell'ultimo periodo (circa un anno) è emerso un ulteriore effetto (oltre al tremolio alle mani). Appena interrompo le pastiglie, nel giro di qualche giorno inizio a gonfiare.....viso, occhi, gambe...con la sensazione di non riuscire neanche a parlare bene o a camminare tanto sono dure le gambe. Credo sia il sistema linfatico. Mi sono rivolta allo stesso specialista il quale bonariamente mi ha ribadito che è una mia impressione. Ho provato a non prendere più le pastiglie per qualche mese, ma il gonfiore aumenta e i chili pure. Sono entrata in un circolo vizioso. Il mio fisico non riesce più a fare a meno delle pastiglie o per contro oltre ai chili, il sistema linfatico (credo) non funziona più. Ho anche provato a diminuire gradatamente le pastiglie ma l'effetto è sempre lo stesso.Mi potete dare un parere? GrazieDi seguito riporto gli ingredienti delle pastiglie:triac: g 0,0012metformina cloridrat: g 0,1sodio deidrocolato: g 0,1clorazepato dipotassi: g 0,001fucus es: g. 0,08fluoxetina HCI: 0,01furosemide ph. eur: G 0,01rabarbaro: g 0,05vitamina e: g 0,05deanolo bitartrato: g 0,05genziana E.S.: g 0,05cascara E.S. 10% cas: g 0,05potassio citrato Ph: g 0,01
Risposta di:
Prof. Francesco Orio
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Risposta

Gent.ma signora

Le consiglio vivamente di non assumere alcuna pastiglia o compressa prescrittale in quanto tra i componenti vi sono sostanze estremamente dannose alla tiroide e non solo a questa ma all'intero organismo e pericolose alla sua salute in generale. Le diete dimagranti in cui vengono consigliate compresse, pastiglie o cocktail di farmaci devono essere bandite perchè dannose e pericolose alla salute di che le assume. Non esiste nessun farmaco miracoloso per dimagrire. 

Le consiglio pertanto di rivolgersi ad un bravo endocrinologo che non utilizza tali sostanze, che ripeto, dovrebbero già averle potuto danneggiare la tiroide!

TAG: Endocrinologia e malattie del ricambio | Ghiandole e ormoni
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!