20-09-2012

La terapia farmacologica è importante ma anche la psicoterapia

Salve. Chiedo un parere medico sulla mia condizione psichica. Ho 31 anni e fin da piccolo soffro di comportamenti ossessivi, ma soprattutto, di pensieri intrusivi che mi martellano il cervello e mi mettono molta ansia. Fortunatamente durano poco tempo e si ripresentano a distanza di anni, mentre i comportamenti coercitivi sono quasi sempre presenti, anche se, con diversa intensità, secondo l'umore. Non mi sono mai rivolto ad uno specialista e non ho chiesto aiuto, perchè ho sempre cercato di essere forte e di avere la volontà di venirne fuori da solo. Per concludere, convivo con questo disturbo da molti anni , vivendo una vita normale... Casomai decidessi di intraprendere una cura, quali sono le molecole antidepressive più indicate per questo disturbo? Lo chiedo a titolo informativo.Grazie
Risposta di:
Dr. Alberto D'Argenio
Specialista in Psichiatria e Psicologia e Psicoterapia
Risposta
Carissimo, lei ha un problema psichico che crea uno stato di sofferenza e influisce anche sulla qualità della vita, perché non la vede come una patologia curabile e guaribile e ne fa un fatto di volontà? Se lei avesse una frattura a una gamba direbbe "ce la devo fare da solo" o metterebbe il gesso? Mi creda, il paragone che faccio è assolutamente calzante, quindi vada in terapia. I farmaci più usati per le problematiche ossessivo compulsive sono farmaci che agiscono sul sistema della serotonina, in particolare in questo caso la fluvoxamina e la sertralina, associate eventualmente all' inizio con un ansiolitico (benzodiazepine). Inizi però anche un percorso psicoterapeutico di tipo cognitivo comportamentale. Il tutto avrà un inizio e una fine, prima comincia e più crede nel lavoro terapeutico prima migliorerà, questi disturbi oggi si curano e si guariscono. In bocca al lupo
TAG: Malattie psichiatriche | Psichiatria | Salute mentale