23-06-2003

Mi chiamo massimo ho 37 anni sono di romami scuso

Mi chiamo Massimo Ho 37 anni sono di Roma
MI scuso in anticipo se la mia domanda sara un po' lunga ma vorrei rendere piu' chiaro possibile il mio problema. Ho fatto sport Agonistico calcio(fino a 4 anni fa). Proprio 4 anni fa ho cominciato ad avvertire extrasistoli fatti tutti gli accertamenti del caso sono sempre risultate molto poche 5 al massimo 10 al giorno e quasi tutte sopraventricolari ed alcune ventricolari 3. Ogni hanno ho fatto eco, test da sforzo, holter. Sempre tutto nella norma tranne un lieve arching del lembo anteriore della valvola mitrale senza ridondanza ed insufficienza 0+ ed un'insufficienza 0+ della valvola tricuspidalica. Una sera esattamente a Marzo 2002 mentre vedevo una partita di calcio ed ero molto agitato ho avuto dei rigurgiti acidi fortissimi e queste extrasistoli sono aumentate di molto, da quella sera non potevo più mangiare o bere nulla, appena deglutivo partiva un'extrasistole, non potevo più stare sdraiato specialmente sui fianchi (in passato avevo fatto anche una gastroscopia dalla quale era risultata gastrite cronica con erosioni ed H. P. (poi eradicato). Soffro anche di aerofagia. Esami del sangue tutto normale compresa tiroide e colecisti normale. Ho rifatto un Holter durante questo periodo e sono state registrati 150 bev a bbs ed una SALVE DI TACHICARDIA VENTRICOLARE 6 battiti. Mi hanno fatto prendere il SOTALEX ma la situazione è peggiorata, ho fatto scintigrafia, eco, tutto nella norma. Volendo rifare Sport sono stato da un Professore Cardiologo Sportivo che in 5 minuti di ecocardiogramma mi ha riscontrato discinesie peratricuspidalica e puntale del Ventricolo destro (l'eco fatto 10 giorni prima era nella norma) e durante il monitotaggio elettrocardiografico sporadiche extrasistoli ventricolari. Visto che anche mio fratello ha extrasistoli (lui ha 35 anni però le ha da quando è piccolo perlomeno dalle sensazioni che descriveva quando eravamo bambini, brontolio nel petto). Anche lui ha sempre fatto sport. Il professore ci ha fatto fare un nuovo Holter con allenamento e soltanto a me una risonaza magnetica. I risultati sono stati per me 122 bev a doppia morfologia in prevalenza a bbs, mio fratello 11 bevs e 7 bev a bbs. La mia risonanza magnetica confermava piccole alterazioni cinetiche parapuntale e a ridosso della valvola tricupspidalica NESSUNA ALTERAZIONE DEL TESSUTO ADIPOSO BIVENTRICOLARE. IL responso del professore e' stato che secondo lui visto che il tessuto adiposo non presentava anomalie molto probabilmente avevo avuto una miocardite (non so quando visto che sono anni che non ho la febbre), che le mie extrasistoli vengono dalla punta del ventricolo destro e che comunque non potevo pi giocare a calcio ed andare a sciare(altro sport che praticavo). Sono andato da un Cardiologo non sportivo che non era molto d'accordo mi ha detto che le piccole alterazioni cinetiche del ventricolo destro possono anche essere prive di significato e non esprimono sempre la presenza di una cardiopatia, e che le extrasistoli che avevo erano sicuramente scatenate dallo Stomaco e dal mio stato di ansia; su di un punto era d'accordo: che le extrasistoli venivano dalla punta del ventricolo destro (dall'elettrocardiogramma a 12 derv.)
Extrasistoli bbs ed asse deviato a sinistra. Ora la situazione è notevolmente migliorata
(da quando ho ricominciato a curarmi lo stomaco
con OMEPRAZOLO). Ho qualche Extrasistole quasi esculsivamente dopo mangiato se mi sdraio sul letto e se riesco a liberare lo stomaco dall'aria
spariscono come sparisce la sensazione di sentire battere il cuore se si riforma l'aria ricomincio ad avvertire il battito cardiaco. Gli ultimi acceratamenti fatti febbraio 2003 Holter con allenamento: 29 bev bbs e nessuno
durante l'allenamento. Test da sforzo: nessuna extrasistole. Ecocardiogramma: sempre piccole alterazioni cinetiche peratricuspidaliche e della punta del ventricolo destro di dubbio significato clinico con contrattilità globale conservata. Presenza di una piccola falsa corda tendinea nel ventricolo sx in posizione medioapicale, non è stato riscontrato nessun arching della mitrale e per quanto riguarda le insufficienze venivano considerate non significative. Per quanto riguarda gli spessori delle pareti, setto etc. etc. nella norma (sono alto 1,85 e peso 80 chili) ventricolo sinistro 56mm (ho messo al corrente il cardiologo che mi ha fatto l'eco che le discinesie si vedevano meglio nella posizione a pancia in su piuttosto che in quella sul fianco) perché il professore che le aveva trovate per primo mi ha fatto l'eco in tutte e due le posizioni. Sto rifacendo un po' di sport ma purtroppo non riesco a farlo senza preoccupazione perché mi viene sempre in mente la Displasia aritmogena del ventricolo destro (sapendo che è caratterizzata anche da alterazioni cinetiche come le mie). Quella sensazione spiacevole di quando ho avuto
quella salve di tachicardia ventricolare
fortunatamente non l'ho piu' sentita, però
sento ogni singola extasistole e riesco
addirittuta a sentire se è interpolata o compensatoria, quando 4 anni fa ho cominciato ad avvertirle sentivo la pausa e poi il battito
più forte ora invece sento proprio l'extrasistole in mezzo a due battiti normali.
All'holter non ne ho mancata nessuna sul diario;
chiedo scusa nuovamente per la lunghezza della lettera e spero in una vostro parere sulla
mia situazione. Cordiali Saluti.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Credo che si tratti semplicemente di extrasistoli in un cuore sano e quindi prive di significato patologico, verosimilmente innescate da una causa extracardiaca come l’esofagite. Comunque per un approfondimento diagnostico può rivolgersi ad un ellettrofisiologo.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!