21-02-2006

Mia mamma di 66 anni dopo 18 mesi di terapia con

Mia mamma di 66 anni dopo 18 mesi di Terapia con interferone, ribavirina e amantadina per epatite cronica C (senza protezione gastrica), ha presentato 2 episodi di epigastralgia acuta. Ha assunto pantoprazolo 40mg/die per 2 mesi. Eseguita esofagogastroduodenoscopia con responso di flogosi attiva cronica e biopsia la cui diagnosi è flogosi cronica atrofica attiva, Metaplasia intestinale incompleta e Displasia epiteliale moderata. Adesso deve continuare con pantoprazolo 40mg/die per 3 mesi e ripetere l'esofagogastroduodenoscopia. La mia domanda è: quali sono le possibilità che la displasia degeneri e/o regredisca!? E quali sono i tempi? Ringrazio fin d'ora per la vostra risposta. Roberta.
Dr. Fegato.com
Risposta di:
Dr. Fegato.com
Risposta
La displasia può degenerare in una bassa percentuale, non superiore al 20%, che tuttavia impone un controllo endoscopico periodico (annuale). D’altro canto può anche regredire.
TAG: Epatologia | Fegato | Gastroenterologia | Medicina interna
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!