Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

09-05-2006

Mio marito soffre di ipertensione. e' reduce da

Mio marito soffre di ipertensione. E' reduce da infarto infero posteriore, e da aneurismectomia dell'aorta addominale. E' in cura con Lopresor per quanto riguarda l'ipertensione e Ascriptin per il cuore... Gli ultimi esami del sangue hanno rilevato un'alterazione dei valori dell'urea, della creatinina e dei trigliceridi.... che davano un sospetto sulle funzioni renali... Si è allora sottoposto agli esami: eco-color doppler renale e eco-color-doppler-aorta addominale, senza che si siano riscontrate lesioni o irregolarità significative... Ho sentito dire che l'azione del farmaco Lopresor può avere effetti collaterali sulle funzioni renali... è vero???? e se si, le alterazioni degli esami del sangue potrebbero essere causati dal farmaco? E in tal caso, con quale altro farmaco potrà essere sostituito? Grazie Elisabetta
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Non conosco i valori della creatinina e dell’azotemia per poter esprimere un completo giudizio. In ogni caso i Betabloccanti sono stati prescritti correttamente per la cardiopatia ischemica post-infartuale. Solitamente non comportano alterazioni della funzione renale. La terapia beta-bloccante e` in genere ben tollerata. In rari casi si sono manifestati disturbi a carico del sistema nervoso centrale, quali depressione, catatonia, confusione, turbe della memoria. La comparsa occasionale di bradicardia e ipotensione marcata, porporatrombocitopenica, granulocitopenia, eruzioni eritematose o broncospasmo (anche in pazienti senza anamnesi di affezioniostruttive polmonari), richiede l`interruzione del trattamento e l`adozione di adeguate misure terapeutiche. Occasionalmente possono manifestarsi: affaticamento, vertigini, cefalea e piu` raramente, parestesie e crampi muscolari, nonche` diminuzione della vivacita` mentale, turbe del sonno, incubi; a livello del sistema cardiovascolare: bradicardia, disordini posturali e raramente, insufficienza cardiaca, edema, palpitazioni, fenomeno di Raynaud; a livello del tratto gastrointestinale: nausea, vomito, dolore addominale, diarrea e co-stipazione; a livello del tratto respiratorio: dispnea da sforzo. Nel trattamento di pazienti anziani e` opportuna una certa cautela.Una eccessiva diminuzione della pressione arteriosa o della frequenza del polso puo` determinare una inadeguata irrorazione degli organi vitali. Invece i beta-bloccanti espongono al rischio di bradicardia, rallentamento della conduzione atrio-ventricolare, scompenso di un’insufficienza cardiaca, peggioramento di un’arterite o di una BPCO. Questi rischi aumentano con l’età. Il rapporto rischio/beneficio della prescrizione di un beta-bloccante in corso di cardiopatia ischemica associata ad insufficienza renale deve essere valutato da un medico con esperienza di gestione di una patologia multiorgano. Pertanto le consiglio di rivolgersi al suo cardiologo di fiducia che saprà certamente consigliarla nel modo migliore.
TAG: Cuore | Malattie dell'apparato cardiovascolare
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!