Logo Paginemediche
L’ESPERTO RISPONDE

Mio padre, 64 anni, forte fumatore (20-25

Mio padre, 64 anni, forte fumatore (20-25 sigarette al giorno dall'età di 17 anni), moderato bevitore (mezzo bicchiere di vino a pasto), all'incirca all'inizio di aprile era vittima di un infarto. A causa della sintomatologia estremamente modesta (il dolore è stato lievissimo al punto che se ne è ricordato solo al momento della diagnosi, ricordando anche che sul momento non aveva minimamente immaginato che fosse un infarto) e della sua refrattarietà a farsi visitare (a dispetto del malessere sempre più evidente e invalidante), l'infarto è stato diagnosticato soltanto il 5 giugno, e insieme ad esso è stata riscontrata un'insufficienza cardiaca piuttosto grave (BNP = 1856, EF 17%). Ulteriori accertamenti hanno riscontrato l'occlusione di una coronaria non stentabile e l'occlusione dell'aorta a livello dei reni. Inoltre presentava severi problemi respiratori ed edemi agli arti inferiori. Attualmente ha smesso di fumare ed è in cura con Lasix (3 compresse al giorno), Sequacor (non ricordo se 1 o 2 al giorno), Sevastin (1 al giorno), Triatec (2 al giorno), Cardioaspirina (1 al giorno), Antra (1 al giorno), oltre al Coumadin (a dosaggio variabile a seconda del Test di Quick, infatti fa due prelievi a settimana). Queste terapie hanno eliminato gli edemi agli arti inferiori e migliorato il respiro. Da parte dei medici dell'Ospedale di Bolzano c'è l'intenzione di impiantare un defibrillatore ICD e di provare a rafforzare il cuore quel tanto che basta a reggere un'anestesia, nel qual caso si riparerebbe la coronaria e si sostituirebbe il tratto di aorta occluso. I miei quesiti a questo punto sono tre: 1.Mio padre attualmente presenta una respirazione curiosa: per 15 o 20 minuti respira bene, poi per 5 o 10 secondi ha un affanno, passato il quale ha un'altro quarto d'ora-mezzora di respiro buono e avanti così. È qualcosa di preoccupante o rientra nella normale sintomatologia (o magari è ansia) ? 2.È ragionevolmente possibile che partendo da un EF 17% (ho letto in molti posti che sotto il 33% la situazione è critica) si riesca a rimettere in piedi il cuore al punto che possa reggere un'anestesia ? 3.Quando hanno fatto la coronarografia l'impianto dell'ICD sembrava questione di pochissimi giorni. Adesso invece è rinviato a data da destinarsi (lo si presenta come prossimo ma non si stabilisce alcuna data, c'è solo un appuntamento il 9 luglio preceduto da esami del sangue, fra cui mi pare ci sia anche il valore BNP). Quando si pospone l'impianto del defibrillatore è un segno buono o cattivo ? Vi ringrazio infinitamente e vi invio i miei migliori saluti.
Risposta del medico
Paginemediche
Paginemediche
1. E’ probabile che un andamento respiratorio di questo genere abbia una importante componente ansiosa, ma la valutazione precisa può essere solo diretta, vale a dire osservando e visitando il paziente. 2. Sì. 3. Non è un segno né buono né cattivo; è una valutazione che spetta ai Cardiologi che hanno in cura suo padre e che certamente osserveranno le caratteristiche del quadro clinico che pongono indicazione all’ICD; tenga presente che le Linee Guida non raccomandano un impianto a brevissima distanza dall’infarto (che si suppone sia di aprile ma è stato diagnosticato a giugno) e che la FE (cruciale nel porre l’indicazione) potrebbe migliorare anche in maniera significativa.
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Malattie dell'apparato respiratorio
Prov. di Parma