L’ESPERTO RISPONDE

Misurare la glicemia a digiuno

Buongiorno sono un ragazzo di 35 anni, alto 1.77 con peso di 67 kg, sportivo (pratico corsa moderata - 7/8 km per 4/5 volte a settimana) e gioco a calcio anche se da qualche anno non a livelli agonistici come in passato. Una mattina, dopo mesi e mesi mi è passato per la testa di misurare la glicemia a digiuno ed era a 114 (il giorno prima era Pasqua e avevo approfittato e la sera a cena avevo anche mangiato parecchio e avevo finito di cenare tardi). Premetto che mio padre ha il diabete di tipo 2 per cui da qui la mia "paura".Sono un tipo abbastanza ansioso e da quel giorno ho iniziato a misurarla con un glucometro One Touch Verio quasi ogni mattina a digiuno e i valori sono sempre stati compresi tra 80/83/85/90. Stamattina l'ho misurata con due glucometri diversi. Ero molto agitato infatti tremavo per l'ansia. Durante la prima misurazione, fatta dopo 12 ore dalla cena (avevo mangiato polpette di carne fritte, insalata verde e rossa condita con olio ed aceto, una mela ed un bicchiere di cola) era a 101. Circa dieci minuti più tardi l'ho rimisurata con il solito glucometro, quello che usa mio padre (one touch verio) ed era a 88. Intanto vorrei capire quale dei due valori è maggiormente attendibile, se l'ansia possa alterare un po' i valori glicemici, quanto bisogna digiunare per misurare la glicemia al mattino e cosa mangiare la sera prima (se mangiare pesante o leggero e se si, cosa). Grazie e spero di ricevere una risposta.

Risposta del medico
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio

L'ansia può far salire minimamente la glicemia. I valori su glucometro non sono attendibili per la diagnosi. Come hai potuto osservare, vi è differenza tra diversi strumenti ed anche all'interno dello stesso strumento con la stessa goccia di sangue. è un errore insito nello strumento. Se non si è diabetici la glicemia è nella norma, indipendentemente da cosa si è mangiato la sera prima. Non devi più misurare la glicemia con glucometro per i motivi suddetti, ma effettuare prelievo venoso per glicemia in caso di sintomi o annualmente. Comunque, l'attività fisica ed un corretto peso corporeo riducono l'incidenza di diabete di tipo 2.

Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
articoli correlati
-ipoglicemia-che-fare--
Cosa fare in caso di ipoglicemia
2 minuti
Cosa fare in caso di ipoglicemia
Glicemia: in arrivo un nuovo test che non usa aghi
1 minuto
Glicemia: in arrivo un nuovo test che non usa aghi
Un indice per misurare il rischio di fegato grasso nei pazienti diabetici
1 minuto
Un indice per misurare il rischio di fegato grasso nei pazienti diabetici
Test per misurare gli anticorpi Covid
2 minuti
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Santa Maria Capua Vetere (CE)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Diabetologia e malattie del metabolismo
Torino (TO)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Medicina generale e Endocrinologia e malattie del ricambio
Cadorago (CO)
Specialista in Endocrinologia e Endocrinologia e malattie del ricambio
Modena (MO)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Prov. di Napoli
Specialista in Pediatria e Endocrinologia e malattie del ricambio
Prov. di Milano
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio e Ginecologia e ostetricia
Bologna (BO)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Palermo (PA)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Palermo (PA)
Specialista in Endocrinologia e malattie del ricambio
Roma (RM)