Search

I medici più attivi

Ultimi articoli

27-11-2003

Morte del neonato

Ho partorito (Parto naturale) alla 38° settimana di gravidanza dopo 17 ore dalla rottura delle acque con grandi difficolta perché mio figlio
aveva un cordone ombelicale di 25cm. Il bambino che alla nascita pesava 3,400 kg è morto dopo 5 ore per un Pneumotorace (monolaterale). Non si spiega il fatto nell'autopsia dicono che aveva del liquido proteico nei polmoni. Vorrei sapere se il travaglio lungo e sofferto può aver provocato questo distress respiratorio. Dopo 12 giorni ho dovuto subire un raschiamento perché l'Utero da quanto era pieno di coaguli non si contraeva. Vorrei sapere di più su questo argomento visto che la gravidanza è stata perfetta. Vorrei iniziare un'altra gravidanza quali consigli mi potete fornire? Vi ringrazio.
Redazione Paginemediche
Risposta di:
Redazione Paginemediche
Risposta
Il fatto che il neonato sia morto dopo 5 ore tende ad escludere che a causa dipenda dal travaglio, altrimenti sarebbe giunta più nell’immediatezza. Probabilmente era presente già qualche problema all’apparato respiratorio che si è reso manifesto con la nascita. La presenza di liquido amniotico è possibile nelle vie respiratorie in quanto il feto fa dei movimenti respiratori preparatori che possono spiegare il fatto. Penso che comunque si sia trattato di un evento imprevedibile che si sarebbe verificato comunque indipendentemente dal tipo di condotta eseguita. Per una successiva gravidanza non deve crearsi problemi, non ci sono motivi per cui debba andar male. Purtroppo alcuni eventi si verificano da sé e quando riguardano la nascita creano naturalmente dei dubbi in quanto avvengono spesso inaspettatamente.
TAG: Ginecologia e ostetricia | Organi Sessuali | Salute femminile
er icon on white
Non hai trovato quello che cercavi?
Chiedi un consulto gratuito agli esperti di Paginemediche!