nell'ultimo anno ho riscontrato alcune linee di febbre perenni (dai 37 ai 37.6) associate a ripetuti episodi di cistite con ematuria(almeno 7), il mio dottore insisteva con la diagnosi legata a fattori psicologici, ma poi si è deciso a farmi fare l'urinocultura, e è stato riscontrato l'escherichia coli. Curata con antibiotico per ben 4 mesi... Leggi di più successivi, continuavo ad avere bruciori ad urinare , l'esame delle urine finalmente sembreva senza batteri, ho fatto un accertamento completo esami del sangue+urine e le urine nuovamente presentavano una carica batterica alta. Nuovamente curata con antibiotico, le successive urinoculture presentarono carica batterica nulla ma è stata rilevata presenza di sangue in continuo aumento(primi esami tracce poi lievemente positivo e infine positivo). Ho fatto l'esame citologico, su tutti e 3 i campioni è stata riscontrata presenza di cellule simil papillari con presenza di flogosi. Andata dall' urologo sono stata quasi insultata perchè mi ha detto che senza gli esami più approfonditi lui non poteva fare nulla. Ho fatto l'urografia che ha riscontrato solo lieve ipotonia delle cavità calico-pieliche a destra e le vie escretrici a sinistra non dilatate.L'urologo mi avevano detto di fare anche la cistoscopia una volta avuto l'esito dell'urografia, ma il medico me l'ha sconsigliata, è tornato sul parere che si tratta di un fattore psicologico. E' possibile? L'esame citologico è da ripetere dopo la terapia ma nessuno mi ha prescritto una cura. A chi posso rivolgermi? Non è magari che è un disturbo collegato alla ginecologia anzichè all'urologia?