17-11-2012

Non esiste rapporto tra lavoro di insegnante e gammopatia monoclonal

Ho 57 anni e da due anni circa mi è stata diagnosticata una Gammopatia Monoclonale di Incerto Significato. Sono in screening e per ora i valori sono OK. Quello che mi tormenta è il fatto che sono una insegnante, sempre a stretto contatto con i bambini.Questo può incidere sul mio sistema immunitario e comprometterlo? La mia scuola è poi piuttosto insana, perchè ubificata in una via molto trafficata,infatti non possiamo aprire le finestre e abbiamo un sistema di ricircolo dell'aria . L'ematologo che mi segue esclude che la professione che svolgo possa peggiorare la gammopatia, ma consiglia di spostarmi in un luogo di lavoro più sano. Grazie per l'attenzione!
Risposta di:
Dr. Giovanni Cesarano
Specialista in Medicina del lavoro e Medicina legale
Risposta

Cara signora, 

può tranquilllamente continuare a svolgere il suo lavoro di insegnante, essendo la gammopatia monoclonale una patologia immunitaria, dovuta ad una reazione del proprio organismo, per cui non viehe inficiata in alcun modo da una attività lavorativa di insegnamento.

Cordaili saluti.

Dottor Giovanni Cesarano

.  

TAG: Medicina del lavoro | Salute sul lavoro