Logo Paginemediche
L’ESPERTO RISPONDE

Paziente con nodulazioni polmonari bilaterali.

Gentile Dottore, Scrivo in merito alla situazione di mio padre, 52 anni fumatore ormai più che trentennale. Avendo eseguito una tac total body con e senza mdc al torace risulta quanto segue: in entrambi gli ambiti polmonari evidenza di multiple millimetriche nodulazioni di non univoca interpretazione, le maggiori di circa 8 mm in sede basale bilateralmente. A destra, evidenza di piccole bolle enfisematose parassettali sub pleuriche in sede apicale (la maggiore di 15 mm) e al segmento apicale del lobo inferiore. Non evidenza di linfoadenopatie mediastiniche. Trachea e bronchi principali normalmente pervi. All'addome invece risulta quanto segue: in sede ilare epatica si segnalano tre linfonodi, il maggiore di 18x8mm a morfologia ovolare, gli altri 2 millimetrici (d max 5 mm) a morfologia circolare. Ulteriori formazioni linfoghiandolari si apprezzano in sede celiaca (14mm) ,lombo aortica (12mm) , intercavo- aortica (10mm) e nel ventaglio mesenterico (10mm). Immagine sospetta per ernia iatale da scivolamento. Modico ispessimento delle pareti del fondo e del corpo gastrico. Immagine sospetta per diverticolo della prima porzione duodenale. Lieve ispessimento del discendente sigma non particolarmente ipervascolarizzato probabilmente da mettere in relazione alla Mici di cui il paziente è sofferente ed in trattamento. (Soffre di rettocolite ulcerosa da 13 anni ormai). Tutto il resto è nella norma, le ho esposto solo quello che ad oggi ci preoccupa. Ci hanno suggerito di ripetere i markers oncologici (che ad oggi risulrano nella norma) e la tac senza mdc tra tre mesi date le piccole dimensioni dei noduli in questione e consultare un oncologo. Cosa ci suggerisce di fare? Potrebbe trattarsi di un tumore? La ringrazio anticipatamente e cordialmente saluto.
Risposta del medico
Dr. Giorgio De Bernardi
Dr. Giorgio De Bernardi
Specialista in Pneumologia e Allergologia e immunologia clinica
La presenza di linfonodi ingrossati a livello addominale potrebbe anche essere compatibile con la rettocolite ulcerosa. Per tale motivo sarebbe indicato sentire il gastroenterologo che lo ha in cura. I noduli polmonari di dimensioni inferiori al cm possono essere espressione di malattia sistemica (ad esempio sarcoidosi) o altro. Pertanto, in considerazione del fatto che i marcatori neoplastici sono negativi, il ripetere la TAC fra 3 mesi è un modo corretto di affrontare la problematica. Nel frattempo può sentire sia l'oncologo che uno pneumologo. Il vedere con i propri occhi le immagini è molto più istruttivo che leggere un semplice referto. Cordiali saluti.
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Oncologia
Ancona (AN)
Specialista in Oncologia
Catanzaro (CZ)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Malattie dell'apparato respiratorio e Medicina interna
Prov. di Mantova
Specialista in Oncologia
Prov. di Caserta
Specialista in Ginecologia e ostetricia e Oncologia
Carrara (MS)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Oncologia
Prov. di Piacenza
Specialista in Malattie dell'apparato cardiovascolare e Malattie dell'apparato respiratorio
Prov. di Parma
Specialista in Oncologia
Prov. di Cosenza
Specialista in Malattie dell'apparato respiratorio
Macerata (MC)
Specialista in Oncologia
Prov. di Cosenza