Logo Paginemediche
L’ESPERTO RISPONDE

perché quando abbiamo le crisi non siamo noi stessi?

salve mi chiamo laura 26 nni e ho una domanda da fare sono in cura per il mio problema d ansia e da poco ho inizia to anche un trattamento di riflessologia plantare....ho bisogno di chiedere in questi giorni sono in crisi e non mi sento molto su ho paura di tutto lamia domanda è quando abbiamo le crisi non siamo i veri noi stessi giusto?perchè quando non ce lho io sono totalmente diiversa riesco anche a progettare e voglia di fare mille cose.......cio che mi aiuta smolto sono i miei sogni e poi una domanda di carattere farmacologico lo xanax interferisce con l'anticoncezzionale naomi? grazieGrazie
Risposta del medico
Specialista in Psicoterapia
Gentile Laura, è opportuno rivolgere il quesito sugli eventuali effetti collaterali dei farmaci da lei assunti direttamente al professionista che li ha prescritti. Da parte mia rispondo volentieri al perché non si è più se stessi quando si hanno le crisi. Come sa, l'ansia è uno stato d'animo derivante dalla interazione tra la persona e l'ambiente circostante (altre persone, eventi vari, ecc.). Ed il modo in cui percepiamo la nostra ansia è influenzato dall'atteggiamento attraverso il quale noi "filtriamo" ciò che sta accadendo. In pratica, quando una situazione è valutata (percepita o "vista") come superiore alle nostre risorse personali e in grado di minacciare il nostro benessere, compare la risposta ansiosa. Essa rappresenta un segnale che evidenzia una sproporzione tra le esigenze dell'ambiente - così come, in quel momento, sono state valutate dalla persona - e le esigenze della persona stessa (quasi sempre influenzati da valori etici o morali o super-egoici; istanze che non provengono direttamente dalla persona ma da un "ente" esterno); nonché dalle strategie personali, cognitive e comportamentali, che quell'individuo è in grado di mettere in gioco per far fronte a quelle richieste. Di solito l'ansioso pensa sempre al peggio, riesce a vedere soprattutto il "rovescio della medaglia", si fissa sul problema e ha difficoltà ad aggirare l'ostacolo. Una persona meno ansiosa potrebbe percepire la stessa situazione come una opportunità piuttosto che un limite, sarebbe capace di offrirsi delle possibilità ... riesce a vestire i panni dell'avvocato "dell'angelo" piuttosto che quelli "del diavolo". Può permettersi addirittura di sbagliare. Nella sua esperienza ha già vissuto queste due prospettive; sa pertanto che quando è in contatto con quella parte di se che la spinge ad essere possibilista, può progettare, fare mille cose e ... sognare :))
Unisciti ad una community di oltre 50mila persone per ricevere sconti esclusivi e consigli di salute dai nostri esperti.
Ho letto l'Informativa sulla Privacy e acconsento al trattamento dei miei dati personali
Cerca un medico nella tua città
Specialista in Psicologia
Prov. di Torino
Specialista in Psicologia
Cagliari (CA)
Contatta il migliore specialista nella tua città
Specialista in Psicologia
Palermo (PA)
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Roma (RM)
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Milano (MI)
Specialista in Psicoterapia e Psicologia
Torino (TO)
Specialista in Psicologia e Psicologia clinica
Isernia (IS)
Specialista in Psicologia
Roma (RM)
Specialista in Psicologia e Psicoterapia
Pesaro (PU)
Specialista in Psicologia
Castel Mella (BS)