Gent.imi Dottori, chiedo scusa ma ancora non ho ben capito quando avviene la diagnostica certa di affezione a celiachia. Ho 50 anni, peso circa 80Kg e sono alto 1,80. Da circa 5 anni, ho iniziato a soffrire di forti rigonfiamenti addominali e meteorismo. Ho eseguito vari esami diagnostici, come la rettocolonscopia e gastroscopia. Dai vari esami... Leggi di più fatti, da evidenziare soprattutto che risulto affetto da malattia diverticolare e cardias ipotonico. Negli ultimi 2/3anni il gonfiore addominale ed il meteorismo sono scomparsi ma si è trasformato in aerofagia (eruttazioni mattutine e serali) con leggero dolore intercostale e un'accentuata stipsi. Negativi il breath test per lattosio/lattulosio ed helicobacter pylori. In ultimo ho eseguito le analisi del sangue per celiachia e sono positive DQA1*01, DQA1*05, DQB1*02 e DQB1*03. Risultato compatibile con la celiachia gruppo G3 Moderato. Ma la dottoressa che mi ha consegnato l'esame mi ha detto che essere compatibili non significa essere celiaci. Vi chiederei quindi gentilmente maggiori delucidazioni sul percorso completo da fare per confermare o meno l'affezione della celiachia. Ossia, quali esami specifici possono dare la certezza assoluta della reale esistenza della celiachia? Scusate la confusione ma celiachia significa specifica intolleranza certa al glutine o anche altro? Grazie per la gentile attenzione, Cordiali saluti.