Salve. Il 21 febbraio ho assunto regolarmente la pillola anticoncezionale alle ore 20:05 (mi trovavo nella seconda settimana di assunzione, per precisione l’ultimo giorno della seconda settimana). A causa di un eccessivo consumo di alcol ho vomitato (un singolo episodio e per altro autoindotto), sicuramente dopo l’1:50 (non ricordo con precisione l’orario), quindi a distanza di più di 5 ore dall’assunzione della pillola. Una volta tornata a casa, verso le 4 (quindi a distanza di 8 ore dall’orario di normale assunzione e, perciò, entro le 12 ore) ho assunto un altro confetto per sicurezza e sono andata a dormire. Quando mi sono alzata, verso le 15:40, ho vomitato e successivamente ho avuto altri 2/3 episodi di vomito nel pomeriggio (a distanza di oltre 11 ore dall’assunzione della seconda pillola), poi la sera ho assunto al solito orario il confetto e non ho più avuto episodi di vomito. La notte di giovedì 27 febbraio ho avuto dei rapporti non protetti con eiaculazione esterna e da lì ne ho avuti altri, sempre non protetti fino a lunedì 2 marzo. Martedì 3 marzo ho avuto l’inizio del flusso mestruale, che è stato normale sia come durata che come quantità e poi ho ricominciato a prendere la pillola dopo la pausa. La copertura contraccettiva è stata mantenuta, dato che comunque ho assunto un altro confetto e gli episodi di vomito si sono verificati oltre 11 ore dopo l’assunzione del secondo confetto (preso esclusivamente a scopo cautelativo, visto che comunque il bugiardino consiglia di assumere un altro confetto in caso di vomito entro le 3/4 ore dall’assunzione e il mio episodio era stato dopo quasi 6 ore) o quei rapporti non protetti possono essere stati a rischio? Ho un po’ di ansia perché venerdì ho preso l’ultima pillola del nuovo blister e oggi, martedì, sto aspettando che mi arrivi il ciclo, ma ancora niente.