Prima negli ambulatori ora su internet, ma i problemi sono sempre gli stessi. Operato di ernia discale L4/L5 nell'88 ma non trovo la documentazione, comunque mi duoleva la gamba SX. Nel '98 da RMN: in L4/L5 esiti di emilaminotomia SX con evidente recidiva ... operato di nuovo, entrambe le volte in chirurgia convenzionale con incisione lombare DX. Ricaduta nel 2005 RMN: particolare ipolucentezza degenerativa D11/D12 ed L4/L5.A livello L3/L4 ernia discale intraforaminale SX contigua alla corrispondente radice di uscita. Eseguite terapie varie tra le quali te-kar (si scrive così?) e nuoto medico da allora con evidenti miglioramenti. Ora ho una ricaduta con i sintomi ormai noti alla gamba DX dolore esteso dalla natica al polpaccio alla insensibilità delle dita del piede DX ecc, ho fatto le terapie di routine (artrosilene, oki e bentelan) con i soliti effetti momentanei. Dopo visita fisiatrica mi è stata consigliata una terapia di ossigeno/ozono ma non ho ancora effettuato RMN. Non so se sono stato chiaro cercando di essere breve, ma diversi anni fa questa terapia la vedevo non bene e tutt'ora non so come comportarmi, ho l'impressione che diagnosi e cure non siano sempre disinteressate e non vorrei che il dolore mi spingesse e fare scelte sbagliate ed affrettate, anche perchè dopo il secondo intervento il chirurgo è stato molto chiaro sulle conseguenze di un eventuale terzo intervento. Per questi motivi chiederei il parere di un esperto. Grazie anticipatamente