08-06-2017

Prolattina alta e gravidanza

Buonasera, sono una giovane donna di 28 anni. Da 2 mesi sono alla ricerca di una gravidanza. Premetto che 1 anno fa in seguito ad una visita ginecologia che decisi di fare in seguito a qualche ciclo sballato, ho scoperto di avere la prolattina alta (S-PRL Prolattina 38.53 mcg/L valori normali 3-26). Da allora, su prescrizione della ginecologa ho assunto ogni giorno una pastiglia di Agnocasto (che a suo dire alla lunga mi avrebbe aiutata a farla diminuire).

Un anno dopo quindi in previsione di una ricerca di gravidanza ritorno dalla ginecolga che mi prescrive di nuovo degli esami, di seguito gli esiti: Prolattina (PRL) totale 473 mU/L (intervallo di riferimento 55-450); PRL monomerica 403 mU/L; ormone tireotropo 2.08 mIU/L (riferimento 0.29-3.32); follitropina (Fsh) 7.4 U/L; luteotropina (LH) 6.7 U/L; testosterone totale 0.4 ug/L (riferimento 0.2-0.8). Ora, con questi valori è possibile che io possa rimanere incinta? Inoltre, sto monitorando con gli stick l'ovulazione ed il primo mese il monitoraggio è stato regolare mentre questo mese non ho visto alcun picco di fertilità (forse non ho ovulato?). Cosa mi consiglia di fare? Grazie

Risposta di:
Dr. Maurizio Simonelli
Specialista in Ginecologia e ostetricia
Risposta

Le consiglio di smettere tutto, stare tranquilla e vivere serenamente! Questi lievi aumenti possono essere legati allo stress: per diagnosticare un aumento della prolattina bisogna fare un prelievo ogni 30 minuti per 3 volte, mettendo una flebo, perché il buco dell'ago, può aumentare la prolattina.

TAG: Biochimica clinica | Esami | Ginecologia e ostetricia | Gravidanza | Patologia clinica | Salute femminile